Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In 39 hanno presentato un esposto contro il sindaco milanese

Milano, sgomberi: Moratti denunciata per "Odio etnico e razziale verso i rom"


Milano, sgomberi: Moratti denunciata per 'Odio etnico e razziale verso i rom'
09/11/2010, 18:11

MILANO - Su "La Repubblica", i 39 che hanno presentato un esposto in tribunale contro il sindaco di Milano, Letizia Moratti, e contro il vicesindaco, Riccaro De Corato, vengono descritti come "volontari e rappresentanti del monedo politico e culturale milanese".
L'accusa mossa alle prime due cariche cittadine è quella di "odio etnico e raziale verso e rom" e deriva dalla decisa e percussiva politica di sgomberi imposta dall'amministrazione comunale a tutti i rom residenti nel capoluogo lombardo. Con l'aggravante  della finalità di discriminazione e di odio etnico e raziale, sono poi contestati i reati di abuso d'ufficio, interruzione di pubblico servizio e danneggiamento.
Tra i firmatari dell'esposto, ci sono tra i vari anche Vittorio Agnoletto e i volontari del gruppo di sostegno Forlanini. I 39 hanno denunciato i 360 sgomberi imposti negli ultimi tre anni che hanno visto i rom ritrovarsi "senza alcuna alternativa abitativa".
Inoltre, come si legge nella nota di denuncia:"nell'agosto del 2008  il Comune ha ricevuto oltre 13 milioni dal fondo per al sicurezza urbana e la tutela dell'ordine pubblico del ministero dell'Interno. Il finanziamento è stato ottenuto sulla base di un progetto avente per titolo 'Diversi campi e insediamenti nel territorio comunale: riqualificazione, messa in sicurezza, alleggerimento delle aree adibite a campi nomadi, integrazione sociale e lavorativa'. Già nel progetto è evidente la sproporzione macroscopica nell'utilizzo di tali fondi: degli oltre 13 milioni di euro stanziati, ben 11 sono già stati usati o verranno destinati ad attività della cosiddetta sicurezza, vale a dire sgomberi, misure di controllo e segregazione delle famiglie che vivono nei campi, mentre solo 2 milioni sono stati destinati ai percorsi di integrazione sociale e lavorativa".
E dunque, per i propositori della denuncia, sarebbe evidente il fatto che "Letizia Moratti e Riccardo De Corato hanno fatto una scelta di persecuzione nei confronti dei rom, da oggi nostri vicini europei".

DE CORATO: "DENUNCIA RIDICOLA"
Per il vicesindaco di Milano, De Corato, "la nuova denuncia nei confronti del sindaco Moratti e del sottoscritto intentata dal gruppo di Sostegno Forlanini contro gli sgomberi dei campi rom a Milano e' semplicemente ridicola". Subito dopo De Corato spiega infatti che:"L' intento e' sempre lo stesso: far passare la linea adottata dal Comune per la difesa dell'interesse pubblico e la sicurezza come discriminatoria e razzista. Un film che abbiamo gia' visto. Siamo abituati a questi ricorsi (solo per via Forlanini siamo al quinto da parte dei nomadi) sostenuti da associazioni pseudo buoniste che tentano di rovesciare ipocritamente la situazione. Evidentemente Agnoletto & compagnia preferiscono che i bambini siano lasciati scorrazzare tra amianto, topi e quintali di rifiuti".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©

Correlati