Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ministro Romano: “a novembre a Cremona gli stati generali dell’agricoltura”


Ministro Romano: “a novembre a Cremona gli stati generali dell’agricoltura”
19/05/2011, 16:05

"Questo nostro Paese è geograficamente, socialmente ed economicamente diverso: ma questa diversità è una ricchezza di cui si è persa, in parte, la consapevolezza. Queste nostre diversità sono una ricchezza che, motivi di egoismo, regionalismi e particolarismi hanno contribuito ad offuscare, con gravi ripercussioni sul valore irrinunciabile dell'unità. E necessario recuperare i principi della condivisione e della solidarietà nazionale. In fatto di agricoltura la voce del Paese deve essere una soltanto, sebbene nel rispetto delle funzioni e delle prerogative delle varie istituzioni. Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano, incontrando il mondo agricolo ibleo a Villa Di Pasquale a Ragusa. Erano Presenti la Cia, Coldiretti, Confagricoltura e Fai CISL. “La riscrittura della politica agricola comune non può che passare dagli Stati Generali dell'Agricoltura che si terranno il prossimo tra ottobre e novembre a Cremona che dovranno portare ad una proposta nazionale, solidale e condivisa. Mandare in disimpegno automatico delle risorse disponibili – ha proseguito Romano - è una colpa grave di certa politica e di certa burocrazia, ed è una colpa che di certo non contribuisce ad un rafforzamento di credibilità e autorevolezza del nostro Paese in sede europea. Il vero problema del sistema agroalimentare in Sicilia e nel Mezzogiorno è quello della carenza di infrastrutture. Qui a Ragusa si rende, ad esempio, indispensabile la realizzazione dello scalo aeroportuale di Comiso, un hub commerciale che consenta ai prodotti locali di poter raggiungere i mercati in tempi brevi. La promozione delle nostre produzioni non può che essere quella che fa riferimento al Made in Italy, e in tal senso occorre evitare la frammentazione di un'opera di promozione e di comunicazione commerciale che sinora è stata a dir poco, settoriale e non organica, particolare e quindi inefficace e non programmata e generale come dovrebbe essere".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©