Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

I fatti quando il senatore era direttore del TG1

Minzolini processato per aver tolto la Ferrario dal TG1


Minzolini processato per aver tolto la Ferrario dal TG1
14/11/2013, 13:38

ROMA - Rinvio a giudizio per il senatore del Pdl Augusto Minzolini. L'ha deciso oggi il Tribunale di Roma, rinviandolo a giudizio con l'accusa di abuso d'ufficio. I fatti risalgono a quando MInzolini era direttore del TG1. La giornalista Tiziana Ferrario promosse una raccolta di firme interna alla Rai per un documento in cui chiedeva che venissero date le notizie in maniera più equilibrata e non così faziosamente a favore del Pdl. DI conseguenza MInzolini le tolse la conduzione video. Per questo la Ferrario denunciò il direttore, denuncia che ha portato al processo odierno. 
Minzolini ha commentato negativamente la notizia: "Sono allibito, questa decisione di rinviarmi a giudizio non posso dire che non me l'aspettavo, ma mi lascia una sensazione di persecuzione per quanto ho fatto al Tg1. La realtà è che in questo paese diventa penalmente rilevante se uno punta al rinnovamento e decide di fare largo ai giovani. Io quando sono arrivato al Tg1 ho assunto 18 precari senza tener conto del loro orientamento politico. Non li avevo certo messi io, ma i direttori che mi avevano preceduto. Tiziana Ferrario da 28 anni, cioè quattro generazioni di giornalisti, era in video e voleva continuare a starci. Vorrei sapere, alla luce di questo rinvio a giudizio per abuso d'ufficio, quali sono i diritti e i doveri di un direttore. Qualcuno me lo spieghi. Tornassi indietro rifarei tutto quanto ma la realtà è che in questo Paese espressioni del tipo 'largo ai giovani' o 'diamo una chance ai giovani' non hanno senso e fondamento. Prima di me e dopo di me, mai nessun direttore era finito a giudizio per aver cambiato qualcosa nelleconduzione di un telegiornale. Sarei potuto arrivare in Rai e fare il passacarte". 
Molto più tranquillo il commento dlela Ferrario: "Spero che questa decisione serva a tutti i colleghi della Rai. Quanto è accaduto al Tg1 non deve ripetersi. Un Tg del servizio pubblico ha il dovere di informare rispettando il pluralismo e tutte le notizie devono essere date in maniera completa". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©