Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'Idv:"Il tg1 oramai è diventato bulgaro"

Minzolini:"La Busi sputa nel piatto in cui mangia, se ne vada"


Minzolini:'La Busi sputa nel piatto in cui mangia, se ne vada'
24/05/2010, 00:05

ROMA - Non si placa l'aspra polemica esplosa da oramai diversi mesi tra il direttore del Tg1 Augusto Minzolini e la telegiornalista tra le più note ed apprezzate d'Italia Maria Luisa Busi. Dopo una settimana in cui i toni si erano particolarmente accesi, il responsabile del primo tg nazionale sbotta sicuro riguardo la sua antagonista:"Non mi piace chi sputa nel piatto in cui mangia, sarebbe normale se andasse via".
E sulla possibilità che la Busi passi al Tg3, in un'intervista al Corriere della Sera Minzonili risponde ondivago:"Non so, non parlo con lei da fine febbraio, da quei giudizi sull’Aquila". In ogni caso, prosegue, "se vuole restare al ‘Tg1’ un posto per lei ci sarà sempre".

IDV CONTRO MINZOLINI
Contro il direttore del Tg1 interviene a muso duro l'opposizione; con l'Idv che, per voce di Leoluca Orlando, osserva che il telegionare della prima rete Rai "ormai è diventato ‘Bulgaro' Il ‘direttorissimo' Minzolini, fido scudiero di Berlusconi, oggi è stato capace di dare la finale di Champions league come terza notizia e, neanche fosse il miglior Houdini, ha fatto sparire completamente le molte critiche al governo sul ddl intercettazioni".
"Anche ieri sera ha censurato l’Italia dei Valori -  
ha incalzato poi Orlando - l’unico partito presente in Parlamento che non ha accettato la logica lottizzatoria e le relative poltrone nel Cda Rai. Il ‘direttorissimo' censura le notizie sgradite al governo ed epura i colleghi non allineati. Sta facendo il giornale a sua immagine e somiglianza: cioè a immagine del suo capo, il presidente del Consiglio".
In effetti sono tante e ripetute le "dimenticanze" di cui pare soffrire la redazione di quello che dovrebbe il primo canale informativo nazionale e che, giorno dopo giorno, registra poderosi cali d'ascolto. "È evidente ormai che Minzolini non conosce vergogna, mente spudoratamente e continua ad offendere l’intelligenza dei telespettatori che calano vertiginosamente sera dopo sera"; osserva ancora Orlando che poi conclude: "L’Italia dei Valori continuerà a fare opposizione: quand’è che Minzolini comincerà a fare il giornalista?".

L'ASSOCIAZIONE CATTOLICI E TELESPETTATORI APPOGGIA LA BUSI
E contro il sempre meno apprezzato "direttorissimo" si scaglia anche l'associazione cattolici e telespettatori (AIART) che, attraverso il presidente Luca Borgomeo, dichiara:"E' chiaro che la Busi ha lasciato il Tg1 perché non condivideva la linea editoriale. Questo è un telegiornale senza autorevolezza. Oggi, alle 13.30, in apertura, sono stati dedicati sette minuti alla vittoria dell`Inter e ai fatti di cronaca ad essa collegati. Solo a metà telegiornale, e dopo il pastone politico, è stato trasmesso il servizio sulla strage di Capaci, in totale circa due minuti e mezzo" . Insomma il Minzolini contro tutti continua a discapito dell'informazione e alla faccia dei milioni di italiani che pagano il canone e vorrebbero usufruire di un servizio d'informazione meno cialtrone e di parte. Il problema atavico della lottizzazione della Rai torna alla ribalta in maniera forte e decisa, lasciando sul campo di battaglia "cadaveri" eccellenti. Chissà se, prima o poi, arriverà qualcuno in grado di decapitare giornalisticamente l'highlander della disinformazione che si è insediato a Saxa Rubra.  

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©