Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si attendono ancora i risultati dell’autopsia

Mitch Winehouse “Mia figlia è morta felice”


Mitch Winehouse “Mia figlia è morta felice”
27/07/2011, 20:07

LONDRA - “Amy è stata la figlia e l'amica migliore che potevamo avere. Sapere che è morta felice ci fa stare tutti meglio”. Così il padre della cantante, Mitch Winehouse ricorda la sua bambina nel giorno dell’ultimo saluto. La battaglia contro la droga, a sentire il padre, l’aveva vinta tre anni fa, ora stava invece provando a liberarsi da un altro mostro: l'alcol.

“Da anni non era così felice – ha ribadito al funerale il padre di Amy - l'ultima volta che mi ha chiamato aveva trovato una scatola di vecchie foto di famiglia e mi aveva invitato a guardarle con lei. Parlammo tre volte in un giorno”. Dichiarazioni queste, che mettono in discussione le ipotesi di suicidio e, soprattutto, quelle di un decesso dovuto ad una fatale overdose. Ma quella che circolano al momento sono tutte supposizioni al momento, perché non sono ancora noti i risultati dell'autopsia. Fatto sta, comunque, che la polizia in casa della cantante non ha trovato tracce né di droghe né di farmaci. E per non dimenticare mai le battaglie della figlia, il padre si sta impegnando a creare una “Amy Winehouse Foundation” per aiutare chi si batte contro le dipendenze di ogni tipo.

E intanto i brani di Amy continuano a scalare le classifiche. Secondo i dati diffusi da Nielsen SoundScan, "Back to Black" è tornato al nono posto degli album, con 37mila copie vendute negli Usa la scorsa settimana. La sua opera di debutto, 'Frank', ha invece venduto 7mila copie. Una parte delle vendite è composta da download digitali. Nella scorsa settimana sono state scaricate 111mila tracce della cantante, un incremento del 2mila per cento. La canzone più scaricata, ovviamente, la hit della Winehouse, "Rehab".

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©