Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Da petizione a movimento contro le discriminazioni

“Mo Bast !” scende in campo contro le tariffe Rca selvagge

Il progetto: portare il caso a Strasburgo

.

“Mo Bast !” scende in campo contro le tariffe Rca selvagge
24/09/2011, 12:09

NAPOLI – Ormai il caro assicurazioni, almeno per gli automobilisti della Campania è giunto al punto più alto di insostenibilità. Visto che a tal proposito le istituzioni sembrano essere insensibili alla questione, ai Napoletani non resta che mettere in pratica il proverbio “chi fa da se fa per tre”; infatti è così nata la petizione “Mo Bast !” che in brevissimo tempo è diventato un vero e proprio movimento affiancato da Federconsumatori per dire basta alle discriminazioni sui premi assicurativi Rca. Un Automobilista virtuoso che guida a Napoli deve pagare un premio assicurativo uguale ad un suo pari che si trova in una città del nord. Portare il caso assicurazioni a Strasburgo questo è l’ intento di “Mo Bast !” che è partito con una petizione ed una raccolta firme giunta già ad un traguardo inaspettato. Se in una città avvengono più sinistri che in altra, questo non deve essere motivo di innalzamento delle tariffe, fattore questo non previsto dalla legge, bensì bisogna adeguare il premio assicurativo alla classe di merito di appartenenza dell’ automobilista, cosa questa che non avviene se si paragonano, a pari condizioni, assicurati del nord con quelli del sud. Si del sud perché il fenomeno si è esteso già in Puglia e calabra e inizia a prendere piede anche in Sicilia. E’ giunto il momento quindi, di risolvere seriamente il problema che oltre a discriminare, provoca anche forti disagi economici ai già martoriati “ITALIANI del SUD”.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©