Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Moda, Santori: aprire ai giovani è credere nuovo stile


Moda, Santori: aprire ai giovani è credere nuovo stile
13/12/2010, 16:12

“Officina moda e dintorni è un progetto dalle grandi potenzialità e soprattutto si propone come una pietra miliare per rivoluzionare il percorso che molti giovani si apprestano a fare per raggiungere il traguardo di lavorare nel settore della moda, come stilisti o come modelle. Aprire le porte ai giovani, selezionandoli secondo le capacità e le doti, secondo il merito, e senza chiedere loro contributi economici, è un modo per far vincere un nuovo stile e assicurare all’intero settore vitalità, estro e qualità. E’ evidente che un comparto importantissimo per l’economia italiana come quello della moda, che possa finalmente allargarsi fino a raggiungere talenti fino ad oggi destinati a perdersi nelle difficoltà quotidiane o nelle dinamiche di casta, se non addirittura travolti da speculazioni senza scrupoli, è destinato ad arrivare a risultati ancora più alti per il beneficio dell’intera comunità”. Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere capitolino e membro della Commissione turismo e moda di Roma Capitale, che interverrà domani, 14 dicembre 2010, alle 12,00, all’Aranciera di San Sisto, alla presentazione del progetto “Officina moda e dintorni”.
“E’ valido il contributo fortemente sostenuto dal presidente della Commissione Turismo e Moda di Roma Capitale, Alessandro Vannini. Apprezziamo inoltre l’attenzione verso la salute fisica e psichica che questo progetto vuole porre in primo piano grazie al rifiuto del modello di ragazze troppo magre, che rischiano ogni giorno di rovinare la propria vita inseguendo un modello contraffatto e innaturale di bellezza. Ben vengano le taglie normali, senza pericolose esagerazioni che rischiano di annullare il fisico vanificando paradossalmente lo sforzo primo del creatore di moda, chiamato non a mostrare le sue creazioni soltanto, ma a valorizzare le persone attraverso l’abbigliamento”, conclude Santori.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©