Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' imputato di una truffa per 2 miliardi

Mokbel agli arresti domiciliari per motivi di salute


Mokbel agli arresti domiciliari per motivi di salute
22/06/2011, 16:06

ROMA - Neanche un riciclaggio di 2 miliardi di euro (e quindi una evidente possibilità di fuga) è motivo sufficiente per stare in galera. E così oggi Gennaro Mokbel torna a casa dopo 16 mesi di custodia cautelare in carcere. Lo stabilisce il Tribunale di Roma, che gli ha concesso gli arresti domiciliari, nonostante il parere contrario dei Pm che temono ci sia un pericolo di fuga. Secondo i giudici, decisiva è stata la perizia medica, fatta in carcere, che attesta la presenza di una patologia cardiovascolare che porta "aumentati rischi di infarto acuto del miocardio e di ictus ischemico cerebrale". Detto in altre parole, rischia di avere un infarto in carcere.
La perizia è stata fatta durante lo sciopero della fame, iniziato alcuni giorni fa da Moekbel per protestare contro le condizioni - a suo dire - intollerabili del carcere di Civitavecchia in cui era detenuto finora.
Mokbel è imputato di riciclaggio di 2 miliardi, effettuato tramite una serie di false fatturazioni sul traffico telefonico, in una indagine che ha coinvolto decine di altre persone.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©