Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Emergenza rifiuti

Monnezza tour dei Verdi in provincia di Napoli

Alberi di Natale realizzati sui sacchetti

Monnezza tour dei Verdi in provincia di Napoli
28/12/2010, 15:12


NAPOLI - Un "monnezza tour" che ha attraversato 5 comuni della provincia di Napoli Giugliano, Melito, Casandrino, Sant' Antimo e Qualiano quello organizzato stamattina dai Verdi. Sui cumuli di rifiuti i militanti ambientalisti hanno realizzato degli alberi di Natale con materiali riciclati e cartelli con la scritta: "La monnezza vi augura buone feste". "Abbiamo documentato e filmato - dichiarano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il presidente provinciale Carlo Ceparano - lo scempio della spazzatura della provincia, quella che non fa notizia neanche per fare polemica e che il Governo tiene nascosta. C' è il rischio che avremo un numero fi roghi impressionanti per capodanno. Solo nei comuni che abbiamo controllato noi ci sono circa 9 mila tonnellate a terra con strade e scuole ostruite dai rifiuti". "La nostra stima, per difetto, calcola che a terra nella sola provincia siano di 22mila tonnallate di spazzatura a fronte delle 1.400 di Napoli. In alcune zone che abbiamo attraversato - continuano Borrelli e Ceparano - i cittadini ci hanno raccontato che diversi cumuli sono a marcire anche da 5 mesi. Anche i laghi della provincia tra cui il Lucrino, l'Averno e il lago Patria sono circondati da distese infinite di rifiuti. Temiamo che ben presto i cittadini li getteranno proprio dentro ai laghi pur di disfarsene".  "Le situazioni più gravi - concludono i Verdi - sono a Giugliano, Castellammare, Sant' Antimo, Casalnuovo, Melito, Pozzuoli, Quarto e Marigliano ma anche il nolano sta entrando in crisi. Un disastro con Sindaci, come quello di Melito, che investono i soldi del comune per giocare all' enalotto invece di affrontare l' emergenza ed altri, come quello di Castellammare, che emette ordinanze contro la minigonna per il decoro cittadino e poi non pulisce le strade che è molto più importante e decoroso. Se il Sindaco di Napoli Iervolino è responsabile per i rifiuti nel capoluogo a questo punto sono colpevoli anche il Presidente della Provincia Cesaro e tutti i sindaci del Pdl per lo stato vergognoso in cui hanno ridotto la gran parte delle ammministrazioni da loro governate spesso da decenni".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©