Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Monte di Procida, rapinano tabaccheria: arrestati dopo rocambolesco inseguimento


Monte di Procida, rapinano tabaccheria: arrestati dopo rocambolesco inseguimento
01/03/2013, 10:47

I carabinieri dell’aliquota radiomobile di pozzuoli coadiuvati da colleghi della locale stazione hanno tratto in arresto in flagranza di reato un giovane di  18 anni e un giovane di 20 anni, entrambi residenti a pozzuoli nel rione toiano. ieri sera, insieme ad altri soggetti in via d’identificazione, i 2 giovani hanno perpetrato una rapina a mano armata a monte di procida irrompendo con il volto travisato nella tabaccheria guardascione e facendosi consegnare dal titolare circa 1.000 euro in denaro contante e 45 stecche di sigarette. i rapinatori si sono poi dati alla fuga a bordo di un fiat doblo’ ma mentre si allontanavano dalla zona sono stati intercettati dai carabinieri in via miliscola. riusciti a evitare di essere fermati, i fuggitivi hanno proseguito la corsa ad alta velocita’ per le vie cittadine venendo raggiunti e bloccati in piazza capomazza, dopo un prolungato inseguimento, nel corso del quale si sono disfatti di una parte del bottino, hanno speronato la gazzella dei carabinieri tentando di farla uscire di strada e tamponato una fiat 600 guidata da una 35enne del luogo, che ha perso il controllo del veicolo andando a sbattere contro un marciapiede. sottoponendo a perquisizione il mezzo usato per la fuga e ispezionando le strade percorse durante l’inseguimento, i militari dell’arma hanno rinvenuto una parte del bottino che e’ stato restituito al tabaccaio nonche’ la pistola a salve usata per la rapina, priva di tappo rosso e simile a quelle in uso alle forze di polizia. alla signora che guidava la 600, ricorsa a cure mediche al santa marie delle grazie, i medici hanno diagnosticato un “trauma cranico contusivo” con prognosi di 5 giorni mentre 2 appuntati dei carabinieri che erano intervenuti con la gazzella hanno riportato traumi contusivi con prognosi di 4 e 5 giorni. gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©