Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Montecorvino Pugliano, sequestrati migliaia di accessori moda falsi


Montecorvino Pugliano, sequestrati migliaia di accessori moda falsi
23/11/2011, 10:11

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo economico-finanziario del territorio, disposti e coordinati dal Comando Provinciale di Salerno, i militari del Gruppo di Salerno hanno eseguito una capillare attività info-investigativa finalizzata, tra l’altro, alla repressione del fenomeno della contraffazione dei marchi e delle frodi alimentari, dell’indebita apposizione del marchio “CE” e, quindi, alla tutela del “Made in Italy”.
Le Fiamme Gialle hanno scoperto, nel territorio di Montecorvino Pugliano (SA), un’autentica “filiera” di merce di illecita provenienza e con marchi contraffatti, pronta per essere commercializzata ed hanno sequestrato un considerevole quantitativo di prodotti, circa 3.000 pezzi, di svariate categorie merceologiche recanti marchi registrati di note aziende e di dubbia provenienza (Hitachi, Ciare, Guzzini, “Greco di Tufo” e “Fiano di Avellino”, Pantene, etc..).
L’attività di polizia giudiziaria ha complessivamente permesso di sottoporre a sequestro sia i locali ove veniva stoccata la merce, un capannone di oltre 2.000 mq per un valore commerciale di oltre 2 milioni di euro, sia oltre 3.000 articoli costituiti da dispositivi elettrici e musicali, condizionatori, accessori e capi di abbigliamento di note “griffe” nazionali, prodotti per l’igiene ed alimentari, per un valore sul mercato al dettaglio di circa 300.000 euro.
Il responsabile, N.F. di anni 60, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per i reati che vanno dalla vendita di prodotti con segni falsi alla ricettazione ed alla contraffazione.
L’operazione è il risultato di mirate indagini sviluppate dopo il sequestro di circa 500 pezzi, tra accessori per l’abbigliamento e scarpe contraffatte della nota griffe “Yves Saint Laurent”, avvenuta di recente nei confronti del titolare di un’azienda di pulizia ubicata nella provincia di Salerno, che è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per i reati di ricettazione e contraffazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©