Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Ha intenzione di reagire a quello che gli è capitato"

Montino:"Marrazzo vuole ricominciare dalla Rai"


Montino:'Marrazzo vuole ricominciare dalla Rai'
11/02/2010, 17:02

ROMA - Il vicepresidente (attualmente reggente) della Regione Lazio ha rilasciato delle dichiarazioni molto chiare su La Repubblica.
Dichiarazioni che parlano dell'ex governatore Piero Marrazzo "che vuole reagire, vuole tornare al pieno della normalità e a fare il suo lavoro. Dopo la decadenza definitiva da presidente, che avverrà con la nomina del prossimo consiglio regionale, penso che tornerà in Rai"
Montino, interpellato sul suo ex collega durante un incontro con alcuni operatori del S.Filippo Neri ha poi aggiunto:"E' una persona che ancora soffre perchè cambiare il proprio status nel giro repentino di qualche ora crea un forte trauma, prima fisico adesso psichico. C'è ancora qualche sofferenza ma mi pare voglia reagire".
Insomma: anche per Marrazzo pare arrivare il perdono totale e la remissione di tutti i peccati; quasi il fastidio per una dimissione che,in un paese "normale", sarebbe sacrosanta ma, in Italia, viene vista come evento eccezionale e degno di plauso. E riguardo le ultime regionali? L'ex conduttore di "Mi mand Rai tre" voterà per il centrosinistra? Ancora una volta a rispondere è il vicepresidente della Regione in carica :"L'ho sentito il 23 e francamente non abbiamo parlato di questo, ma non credo ci sia difficoltà per Piero a votare e sostenere la coalizione di centrosinistra con Emma Bonino. Non ha rancori nei confronti della politica, nei confronti del centrosinistra o del Pd o perlomeno io ho questa sensazione".
Al di la della vicenda dei trans che ha travolto il non più potente politico romano, c'è quella ricollegata al consumo di cocaina anche se, si sa, gli Italiani dimenticano e molto facilmente; soprattutto se il politico in questione milita a sinistra e gode quindi, aprioristicamente, di una dirittura morale maggiore dei suoi "colleghi" di centrodestra. Dunque Marrazzo si può riabilitare e, anzi, quasi bisogna chiedergli scusa per tutto quello che ha "subito". Intanto, a proposito di festini e scappatelle, il caso Bertolaso promette bene; benissimo...che ci sarà un secondo santo incoronato dopo le (sacrosante) dimissioni? Considerando anche che il responsabile della protezione civile ha fatto infinitamente peggio dell'ex governatore del Lazio? In Italia tutto può succedere; persino che qualche persona "pulita" prima o poi entri in politica.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©