Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Montoro Inferiore, scoperti 7000 pneumatici abbandonati


Montoro Inferiore, scoperti 7000 pneumatici abbandonati
24/03/2011, 16:03

Prosegue l’azione delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino per quanto attiene la tutela ambientale, un’attività tesa all’individuazione in tutta la provincia di aree illecitamente destinate alla raccolta di rifiuti. Nella mattinata di ieri è toccato agli uomini della Tenenza di Solofra (agli ordini del maresciallo aiutante Giovanni Caruso), accedevano presso un esercizio commerciale di Montoro Inferiore esercente l’attività di riparazione e sostituzione di pneumatici.

Nello spiazzo antistante l’esercizio commerciale erano abbandonati diversi pneumatici fuori uso ma il loro numero, già a prima vista, appariva ben al di sopra del quantitativo massimo (30 metri cubi) previsto dalla normativa vigente per quanto attiene il “deposito temporaneo” dei rifiuti sul luogo di produzione. Veniva dato corso immediatamente alla quantificazione di quanto risultava esser stato depositato in maniera incontrollata, con pregiudizio per la salute dei dipendenti e del circondario e l’operazione permetteva di rilevare come nell’area, nel corso degli anni, fossero stati accumulati ben 6.750 pneumatici fuori uso che, su un’area estesa per circa 250 metri quadri, superavano di gran lunga la soglia prevista dalle disposizioni raggiungendo quasi 375 metri cubi di rifiuti.

Ai sensi di quanto previsto dall’articolo 256 (secondo comma) del decreto legislativo nr. 152/2006, al termine dell’attività non poteva non procedersi al sequestro dell’area e di quanto in essa rinvenuto, contestualmente alla prevista segnalazione all’autorità giudiziaria del titolare dell’attività commerciale, identificato in tale L.G. (di anni 43) di Montoro Superiore. Per quanto attiene i profili amministrativi, dal controllo scaturiva anche l’irrogazione della sanzione pari a 6.240 euro e la segnalazione alla Provincia di Avellino ed al Sindaco di Montoro Superiore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©