Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il comandante: "Dobbiamo sapere dove stanno"

Monza: i vigili devono avvisare la centrale quando fanno pipì


Monza: i vigili devono avvisare la centrale quando fanno pipì
01/03/2012, 14:03

MONZA - Una volta, per giustificare la fretta di qualcuno, si diceva: "Quando scappa, scappa". Questo non vale per i vigili urbani di Monza: con il nuovo regolamento, per quanto possa scappare, prima devono chiamare la centrale ed avvisare di quello che devono fare; una volta finito, devono avvisare che hanno finito. E segnare l'orario dell'inizio e della fine dei loro bisogni fisiologici sul foglio di fine turno.
E già per questo, la cosa non può che dare fastidio. Ma è ancora peggio se si pensa che la comunicazione via radio può essere ascoltata da tutti i colleghi, ovviamente. E hai voglia a cercare di usare termini "innocui", da "ho un impegno di poco conto" a "stacco per qualche minuto". Si capisce comunque. Cosa che, secondo il sindacato, rappresenta una palese violazione della privacy degli agenti.
Ma il comandante di polizia locale, che ha redatto quel regolamento, replica: "Non ci vedo nulla di strano. Anzi, mi meraviglio che prima questa norma fosse assente. Dobbiamo sapere con esattezza dove si trova il personale". Ma con quanta esattezza?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©