Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Conferenza stampa per smentire le accuse contro di lui

Mora: "Ruby è stata portata ad Arcore da due imprenditori"


Mora: 'Ruby è stata portata ad Arcore da due imprenditori'
12/05/2011, 16:05

MILANO - Conferenza stampa molto tranquilla, ma decisa di Lele Mora, convocata a soli tre giorni dalle elezioni di Milano. Una conferenza stampa nella quale l'ex imprenditore dichiarato fallito smentisce tutte le accuse che sono contenute nel capo di imputazione per cui il 26 giugno si svolgerà l'udienza preliminare.
In particolare si concentra sulla situazione di Karima El Marough, alias Ruby Rubacuori: "Ruby ad Arcore non l'ho portata io. Non importa se l'ha portata Emilio Fede, la Minetti o un'altra persona, come in realtà è successo ("Da un paio di imprenditori amici del presidente del Consiglio", ha poi precisato, al termine della conferenza stampa). Ma chiunque sia stato non cambia nulla perché non è successo niente, ci sono state solo delle cene, la Ruby non ha mai avuto rapporti sessuali con il presidente del Consiglio".
Poi spiega la sua situazione: "A casa mia è passato di tutto. Una volta venivano anche i più grandi direttori di giornali, ora non più, perché è stato detto che Lele Mora è diventato un pappone e un magnaccia. Questo non è vero, e a casa mia non è stato mai fatto nulla di male. Non ho paura di finire in carcere perché non ho fatto nulla. Uno che non ha fatto niente non può finire in carcere. C'è il detto 'male non fare, male non avere'"
Poi, un accenno polemico alla tattica dello scaricabarile, già adottato da Nicole Minetti prima ed Emilio Fede poi: "Sono convinto che siamo come i tre capponi dei Promessi Sposi. Tre capponi che prima del matrimonio non facevano altro che beccarsi tra loro, ma che poi finiscono tutti in padella. Emilio Fede dice cose che non hanno senso. Nicole Minetti l'ho conosciuta ad Arcore, non è della mia scuderia, e mi chiedo perché occorra staccarsi e dire cose che non hanno senso".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©