Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indagati il primario, una ginecologa e un dottore

Morta dopo parto cesareo. Emessi tre avvisi di garanzia


Morta dopo parto cesareo. Emessi tre avvisi di garanzia
04/07/2012, 18:07

SOLOFRA – La Procura di Avellino ha emesso tre avvisi di garanzia nei confronti dei principali dirigenti del reparto di ginecologia dell’ospedale Landolfi di Solofra. Gli avvisi di garanzia riguardano il primario Nicola Tesorio, la ginecologa Adelaide Masi ed il dottore Bruno Mario.
Domani mattina sarà effettuata l’autopsia sul corpo di Marina De Piano, 27 anni. La donna è morta un mese dopo la nascita del suo bambino, con parto cesareo. Il padre della ragazza, Mario De Piano, ha chiesto – attraverso i suoi legali – di sapere la verità perché “morire di parto cesareo nel 2012 proprio non si può”. Secondo i familiari, a causare la morte della 27enne solofrana è stata una setticemia mal curata.
“Quello che posso dichiarare con assoluta certezza – dichiara il padre – è che quando Marina è entrata in sala parto, godeva di ottima salute. Per quanto ci riguarda, abbiamo piene fiducia nella magistratura nell’operato dei periti che si occuperanno di effettuare l’autopsia” . Marina De Piano, lo scorso 4 luglio ha subito il parto cesareo, presso il nosocomio di Solofra. Il bimbo era in salute e la neo-mamma dimessa. Due giorni dopo però, la 27enne inizia ad accusare una febbre anomala. I medici del Landolfi le avrebbero diagnosticato una polmonite per la quale è stata curata con terapie “anche a domicilio”. Solo in un secondo momento ci si è accorti di un’infezione sotto al taglio cesareo. A quel punto, la neo-mamma solofrana è stata nuovamente ricoverata e sottoposto ad una terapia antibiotica che – purtroppo – non è riuscita a bloccare il costante peggioramento delle sue condizioni di salute. Il 26 giugno, la donna è stata trasferita d’urgenza al reparto di rianimazione e terapia intensiva del S.Giuseppe Moscati di Avellino ma le sue condizioni di salute erano già preoccupanti. La 27enne è deceduta domenica scorsa per arresto cardiocircolatorio. I familiari hanno sporto denuncia dei confronti dell’ospedale Landolfi di Solofra per omicidio colposo derivante da colpa medica nei confronti dei medici del reparto di ginecologia del nosocomio solofrano.
I periti che si occuperanno – domani – di eseguire l’esame autoptico sono:  Maurizio Saliva, Giuseppe Saggese e Antonio Perna.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©