Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ieri la manifestazione pro Putin. È guerra di numeri

Mosca: Prokhorov lancia il guanto di sfida a Putin

Il magnate annuncia la sua candidatura alle presidenziali

Mosca: Prokhorov lancia il guanto di sfida a Putin
13/12/2011, 09:12

MOSCA – È Mikhail Prokhorov, secondo uomo più ricco della Russia, a lanciare il guanto di sfida a Vladimir Putin. Con quella che lui stesso ha definito “la scelta più seria della sua vita”, infatti, l’oligarca e tycoon dell’alluminio e dell’oro russo ha annunciato la formazione di un nuovo partito e la sua candidatura alle presidenziali di marzo, in sfida diretta con Putin. Prokhorov tentò l’ingresso in politica già a giugno, aspirando al ruolo di leader del partito Causa Giusta: un tentativo che si tramutò in un nulla di fatto e per il quale lo stesso Prokhorov oggi accusa il Cremlino di aver organizzato la fronda che a settembre lo ha detronizzato dalla guida di Causa Giusta.
È con la sua candidatura ora che diventa più vivace il quadro politico russo: l’annuncio, tra l’altro, arriva in concomitanza con le proteste contro e pro Putin e la faccenda riguardante i presunti brogli elettorali. Il magnate russo ha promesso di svelare la sua agenda politica dopo aver raccolto le firme necessarie per registrarsi ufficialmente come candidato e di creare un partito politico nuovo “da zero”, che sia un partito “dei risultati e non delle chiacchiere”. Il tycoon, secondo alcune indiscrezioni, avrebbe già il nome di sei o sette premier in caso fosse eletto capo di Stato, ma su questi il diretto interessato non ha voluto sbilanciarsi.
Intanto ieri si è consumata una nuova giornata di passione per Mosca. Dopo le manifestazioni di sabato, in cui l’opposizione ha chiesto di ripetere il voto per la Duma, a scendere in piazza sono stati i sostenitori del presidente Dmitry Medvedev e del premier Vladimir Putin. Sarebbero scese in piazza 25mila persone circa, è questo il dato stimato dalla polizia, ma su internet, blogger e giornalisti indipendenti parlano di non piuù di 17.000 persone.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©