Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Multa di 2 mila euro, commerciante si uccide nel napoletano

Titolare pizzeria a taglio inala gas di scarico dell'auto

Multa di 2 mila euro, commerciante si uccide nel napoletano
20/02/2014, 12:10

CASALNUOVO DI NAPOLI - Un commerciante di Casalnuovo, (Napoli), si è ucciso dopo aver ricevuto una multa di circa 2 mila euro dall'Ispettorato del lavoro. Eduardo De Falco, titolare di una pizzeria a taglio, stanotte si è suicidato inalando i gas di scarico dell'. L'uomo era conosciuto come un gran lavoratore, ma gli affari non andavano bene. L'arrivo del verbale sarebbe stato il colpo di grazia psicologico.
I commercianti di Casalnuovo hanno annunciato una serrata per domani mattina, in segno di solidarietà per la morte del collega Eduardo, "Eddy" De Falco, titolare di una panetteria-pizzeria a taglio suicidatosi dopo aver ricevuto un verbale di duemila euro dall'Ispettorato del lavoro, in quanto nel negozio era presente stata trovata al lavoro la moglie, priva di contratto. ''Lo hanno ucciso - hanno gridato i colleghi giornalisti - quello che è stato fatto ad Eddy è istigazione al suicidio. Denunceremo i funzionari dell' Ispettorato del lavoro". "Non sappiamo più come andare avanti, come si può costringere un commerciante a pagare 2 mila euro di multa entro due giorni ?'' aggiungono. Secondo alcuni amici, il commerciante aveva detto al fratello, operaio cassintegrato della Fiat di Pomigliano, di temere la chiusura del panificio, in quanto non era in possesso del denaro per pagare la multa che, avrebbe dovuto essere pagata entro 24 ore. ''Ci diceva che a malapena riusciva a tirare avanti con la crisi che c'è - raccontano - come poteva sfamare i figli e pagare la multa ?''. Amici e conoscenti hanno raggiunto l'obitorio per stare vicino ai familiari del commerciante.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©