Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Multe salatissime per chi chiude i lucchetti a Ponte Milvio

Ancora indecisione sul destino dei lucchetti

Multe salatissime per chi chiude i lucchetti a Ponte Milvio
19/09/2012, 18:28

ROMA – Solo pochi giorni fa veniva presa la decisione di rimuovere i lucchetti dal Ponte Milvio, chiudendo così una tradizione che ormai andava avanti da anni, da quando in una scena del film “3 metri sopra al cielo”,  firmato Federico Moccia, Riccardo Scamarcio ne fissava uno come pegno d’amore. Tutti i simboli dell’eterno amore, che non pochi problemi stavano creando alla struttura dei vari lampioni sul ponte, verranno forse  trasferiti in un museo a testimonianza del fenomeno che ha coinvolto un’intera generazione.

A quanto pare però tutto questo non è bastato a far desistere i giovani dal chiuderne degli altri e così in Campidoglio si discute della possibilità di prendere nuovi provvedimenti. Così chiunque sarà beccato a chiudere un lucchetto e buttarne la chiave sarà pesantemente multato, fino a 250 euro.

Intanto continua il dibattito sul destino dei lucchetti rimossi. Il consigliere del Pd, Alessandro Cozza, ritiene che la scelta più saggia sia venderli e comprare con il ricavo dei defibrillatori da donare alla Croce Rossa. “Impegnare dei fondi pubblici per istituire un polo museale ad hoc è una scelta inappropriata. I lucchetti, che sono una grande quantità, andranno sicuramente a deteriorarsi prima che gli venga trovata una nuova sistemazione” Questo è quanto sostiene Cozza il quale commenta che almeno così i lucchetti avrebbero fatto veramente del bene al cuore.
Di parere contrario Gianni Giacomini che invece commenta: “Non sono d’accordo. È una questione di rispetto verso le migliaia di ragazzi che li hanno messi. Non vanno gettati ma preservati a futura memoria. Il Sovraintendente dei beni culturali, Umberto Broccoli, è lui che deve decidere. Secondo me si poteva creare una terrazza sul Tevere dove tutti i giovani potevano andare a dichiarare il loro amore.” 

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©