Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Trovato senza vita nel suo garage a Reggio Emilia

Muore a 62 anni Prospero Gallinari


Muore a 62 anni Prospero Gallinari
14/01/2013, 11:30

REGGIO EMILIA – Fu prima contestatore, poi divenne militante per le Brigate Rosse, Prospero Gallinari aveva 62 anni . L’uomo è stato trovato senza vita nel garage della sua residenza a Reggio Emilia. Aveva compiuto gli anni il primo gennaio. Da una prima ricostruzione si pensa ad attacco cardiaco. A dare l’allarme sono sati i vicini di casa. La polizia sta indagando per accertare le cause del decesso e avviare le varie procedure del caso. Gallinari fece parte del “gruppo dell'Appartamento”, sempre a Reggio Emilia, insieme Alberto Franceschini, Tonino Paroli e ad altri esponenti dissidenti del Pci che, dopo il Convegno di Pecorile, diedero vita alla lotta armata. Venne arrestato nel 1979, in quel frangente fu ferito seriamente alla testa dalla polizia, durante gli scontri con le forze dell’ordine. Coinvolto nel sequestro Moro, fu inizialmente ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio. Anni dopo, nel 1993 Mario Moretti , in un libro intervista, discolpò Gallinari assumendosene la totale responsabilità. Per motivi di malattia, venne scarcerato. Durante il processo di primo grado per la morte del leader della Dc, fu colpito da due crisi cardiache e dovette subire diversi interventi di by-pass nel 1984. Lo stato di salute dell’ex brigatista si aggravò, l’ischemia cerebrale e altri problemi cardiaci gli concessero la sospensione della pena. Renato Curcio, fondatore delle Brigate Rosse, ha così commentato la morte del Gallinari: “Non avevamo più molti contatti, ci sentivamo una, due volte all'anno. E’ difficile che sia rimasta una frequentazione. Ma l'amicizia è rimasta sempre”.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©