Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A pochi passi dal cadavere, gente in fila per un caffè

Muore clochard nell'indifferenza più totale a Napoli


Muore clochard nell'indifferenza più totale a Napoli
22/01/2013, 11:43

Bevono tranquillamente il caffé seduti al tavolino di un bar mentre a pochi passi c'é il corpo di un clochard stroncato nella notte forse dal freddo o da un malore. Accade in pieno centro a Napoli, sotto la Galleria Umberto, di fronte al Teatro San Carlo. L'uomo, che aveva tra i 50 e i 60 anni, è stato trovato rannicchiato sotto le coperte, nel giaciglio dove ha trascorso la notte. Attorno a lui, Polizia Scientifica e indifferenza, con avventori nei caffé e qualche turista. L'allarme per la morte dell'uomo in Galleria Umberto a Napoli è stato lanciato da un altro clochard che la notte trova riparo sotto i colonnati del monumento. Antonio Esposito, uno dei gestori di un negozio che si trova proprio davanti al San Carlo, denuncia da anni lo stato di abbandono della Galleria. Soprattutto di notte, nello spazio antistante il Teatro e nella adiacente piazzetta Matilde Serao - sostiene - diventa un vero e proprio dormitorio pubblico per i tanti clochard che qui trovano riparo. E anche questa mattina, mentre qualcuno era incuriosito dalla presenza della polizia per i rilievi fotografici sul cadavere, c'era qualche senza tetto che continuava a dormire.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©