Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' successo vicino Ventimiglia, sospettati dei romeni

Muore per difendere il proprio figlio


Muore per difendere il proprio figlio
10/04/2011, 09:04

Imperia - Morire per difendere il proprio  figlio da un' aggressione.
E' quanto accaduto nella piccola località di Torri a pochissimi chilometri da Ventimiglia, dove seconda una prima ricostruzione della Polizia, l'uomo di 53anni, Walter Allavena, nato a Ventimiglia, è stato accerchiato da un gruppo di giovani, forse romeni, che prima avevano molestato il figlio ventenne, ed è stato picchiato brutalmente con calci e pugni.

Le prima scaramuccia sarebbe iniziato quando il figlio ventenne della vittima, che si trovava in compagnia di alcuni amici, ha avuto una discussione, probabilmente a causa di un cane, con alcuni romeni.
Tra i ragazzi ci sarebbe stata una piccola rissa, ma poi si sarebbero allontanati.
Gli stranieri, sarebbero tornati indietro fino a pochi metri da casa di Allavena, dove avrebbero rintracciato il ragazzo picchiandolo.
Il padre del giovane sentendo le urla è uscito dall'abitazione ed è intervenuto per sedare il pestaggio. E' a quel punto che gli immigrati si sarebbero accaniti contro l'uomo.

Gli uomini della squadra mobile e quelli del commissariato di Ventimiglia stanno interrogando un gruppo di romeni, sospettati di essere gli autori del pestaggio mortale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©