Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napli, sezione antirapina della polizia in azione: un arresto e un fermo


Napli, sezione antirapina della polizia in azione: un arresto e un fermo
25/10/2011, 17:10

Questa mattina, gli agenti della Sezione Antirapina della Squadra Mobile di Napoli, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, il pregiudicato M.F.L., 33enne napoletano, in quanto ritenuto responsabile di una rapina aggravata commessa a Tavernanova di Casalnuovo (Na), in concorso con una persona non ancora identificata, in pregiudizio di una coppia del posto.

La rapina è avvenuta verso le 21:45 del 21 ottobre scorso. La coppia rapinata si trovava all’interno del Parco Condominiale “Leone”, ubicato a Tavernola una frazione di Casalnuovo di Napoli. I due giovani stavano parcheggiando l’autovettura di proprietà di un cugino del ragazzo, quando all’improvviso erano stati avvicinati da due uomini, uno dei quali, il più basso, armato di pistola. Quest’ultimo, puntando l’arma contro il ragazzo gli aveva intimato di consegnargli tutto ciò che era in suo possesso. Aveva poi iniziato a perquisire la vittima tastandogli le tasche. Si era quindi impossessato di due telefonini, un orologio, un bracciale in oro, una collana di argento e di 160 euro in contanti. Aveva infine minacciato la ragazza e si era fatto consegnare la sua borsa con tutti gli effetti personali contenuti.

Una serrata attività investigativa ha portato i poliziotti ad identificare in poco più di due giorni in M.F.L. uno dei due autori della rapina.

Questa mattina, M.F.L. è stato quindi rintracciato e sottoposto ad individuazione di persona dal parte del 33enne vittima della rapina che lo ha riconosciuto come colui che armato di pistola aveva rapinato lui e la sua fidanzata la sera del 21 ottobre scorso. Sono in corso indagini finalizzate alla identificazione e rintraccio del complice del fermato.

Sempre stamattina, i poliziotti della Sezione Antirapina, hanno arrestato anche G.C. 28enne napoletano, in quanto a seguito di una sentenza definitiva doveva scontare 1 anno e 2 mesi di reclusione per ricettazione e violazione alla legge sul diritto d’autore. L’uomo, pluripregiudicato, gravato da numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio e violazione alla normativa sulle sostanze stupefacenti, è stato rintracciato ed arrestato presso l’abitazione della convivente situata in Via Testa. La donna, figlia di un pregiudicato vittima di un agguato camorristico avvenuto anni addietro, è stata invece denunciata in stato di libertà per il reato di favoreggiamento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©