Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Carmela Rea ritrovata con una svastica sul corpo, è giallo

Napoletana trovata sgozzata: la verità nell'autopsia

Oggi l'esame sul corpo: era in un'area pic nic

.

Napoletana trovata sgozzata: la verità nell'autopsia
21/04/2011, 11:04

NAPOLI - Una svastica sul corpo, due siringhe conficcate al petto e al pube, la gola squarciata da un’arma da taglio. È stata trovata così Carmela Rea, la 29enne - originaria del Napoletano, ma residente a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno - scomparsa il 18 aprile da Ascoli Piceno e trovata morta in una zona boscosa di Ripe di Civitella del Tronto, in provincia di Teramo. Non è ancora chiaro al momento dove sia stata uccisa la donna: sarà l’esame autoptico a stabilire data e cause della morte.
La vittima presenta inoltre lividi e segni di percosse sul resto del corpo, anche se al momento sono state escluse tracce di violenza sessuale. Il cadavere è stato trovato dopo una telefonata anonima al 113 di Teramo, in un'area pic nic ad alcune centinaia di metri da un bivio della strada provinciale 53.
Una vicenda che col passare delle ore sembra trasformarsi nella trama di un film horror. Una vita tranquilla, quella di “Melania”, come viene ricordata dai suoi familiari: nessuna ombra sul suo passato, una breve fase di depressione post parto ed una routine trascorsa assieme al marito e alla sua bambina di diciotto mesi.
Al momento della scomparsa, stava facendo una scampagnata sul pianoro di Colle San Marco, vicino ad Ascoli, assieme al marito - caporalmaggiore dell'esercito in servizio presso il 235/o Reggimento Piceno - e alla loro figlia. Alle 15 si era allontanata dicendo che doveva andare in bagno, ma non è arrivata a un chiosco lì vicino. Dopo una ventina di minuti, il marito, non vedendola tornare, aveva dato l'allarme ed erano cominciate le ricerche. Da due anni aveva raggiunto il marito, anch'egli campano, a Folignano. Sembra che il sottufficiale dovesse trasferirsi tra pochi mesi nel Lazio.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©