Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, 3 specialisti di borseggio su autobus scoperti dai carabinieri

L'ultima vittima, una coppia di giapponesi

Napoli, 3 specialisti di borseggio su autobus scoperti dai carabinieri
23/09/2013, 11:23

NAPOLI - Nel corso dei servizi organizzati per contrastare l’odioso fenomeno dei borseggi a bordo di mezzi pubblici, i Carabinieri della Stazione San Giuseppe, che stavano seguendo l’itinerario e i movimenti a bordo dell’R2, giunti in piazza Municipio hanno notato che dopo un certo trambusto a bordo del mezzo 3 persone erano scese dallo stesso, velocemente e guardandosi continuamente intorno. I 3 sono stati subito bloccati (un 58 del vico Rose, un 68enne di via Eduardo Massari e un 40enne algerino domiciliato in Francia).
I militari hanno sottoposto il trio a perquisizione trovando in un borsello che il 58enne portava a tracolla 125 euro e un badge magnetico per l’apertura della stanza di un lussuoso Hotel di piazza Garibaldi. Addosso agli altri 2 sono stati invece trovati circa 150 euro; mentre stavano facendosi spiegare come mai un cittadino napoletano avesse preso alloggio in un hotel a 4 stelle poco distante da casa sua, lo stesso, cercando per quanto possibile di non farsi vedere, si è giocato l’ultima carta, ha buttato a terra “qualcosa” che aveva nelle tasche.
Il gesto e il “qualcosa” non sono passati inosservati. I militari hanno recuperato gli oggetti scoprendo che si trattava di 3 carte di credito con caratteri orientali (giapponesi).
A quel punto i 3 sono stati portati in caserma.
Nel corso di successivi accertamenti è emerso che la chiave magnetica trovata nel borsello era della stanza di un cittadino giapponese in vacanza a Napoli con la moglie. La coppia è stata interpellata e i cittadini giapponesi hanno denunciato che erano stati oggetto di borseggio e che erano stati a loro portati via circa 280 euro, le 3 carte di credito e la chiave della stanza.
La signora ha riconosciuto il 40enne e spiegato che insieme agli altri 2 si era avvicinato al marito e l’aveva spintonato simulando che fosse a causa del mezzo in movimento, in realtà con lo scopo di derubarlo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©