Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, 4 rapinatori di rolex arrestati dai carabinieri


Napoli, 4 rapinatori di rolex arrestati dai carabinieri
08/03/2012, 14:03

 Chiaia, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato sarpa vincenzo junior, 21 anni, residente alla calata capodichino, attualmente detenuto, de stefano salvatore, 28 anni, residente in vicolo pergola a sant’antonio abate, attualmente agli arresti domiciliari, marangio salvatore, 26 anni, residente in vico pergola a sant’antonio abate, attualmente detenuto e capuano rosario, 46 anni, residente in via santa sofia, tutti già noti alle forze dell'ordine, destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (solo per capuano custodia cautelare agli arresti domiciliari)  emessa dal gip di napoli il 2 marzo per rapina aggravata, lesioni e solo per il capuano per vendita di armi senza licenza. I particolare i primi 3 sono gravemente indiziati che il 27 agosto 2011 su via nisco in sella a 2 scooter avvicinarono un giovane del luogo e dopo averlo colpito alla nuca con il calcio della pistola gli rubarono l’orologio rolex che portava al polso (la vittima fu medicata dai sanitari dell’ospedale fatebenefratelli per una ferita escoriata al cuoio capelluto e una contusione con ematoma alla regione frontale sinistra, guaribili in 10 giorni), venendo notati durante la fuga da 2 carabinieri della locale stazione, liberi dal servizio e in abiti civili, che con indagini li hanno identificati.
Il capuano per essersi sbarazzato della pistola utilizzata dal figlio (capuano luigi) per la commissione di una rapina avvenuta in via carlo poerio il 25 settembre 2011 in danno di un giovane del luogo, dove intervenne un carabiniere della locale stazione che fu ferito ad un piede con un colpo d’arma da fuoco dai rapinatori, alla quale partecipò anche il sarpa che venne sottoposto a fermo il giorno successivo insieme al capuano ed un 16enne.
Il de stefano è stato tradotto nel carcere di poggioreale mentre il capuano è stato accompagnato nella sua abitazione agli aadd.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©