Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, 40enne arrestato per estorsione ai suoi parenti


Napoli, 40enne arrestato per estorsione ai suoi parenti
03/04/2012, 10:04

Domenica mattina, gli agenti del Commissariato di Polizia “San Ferdinando”, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il pregiudicato un 40enne napoletano, in quanto gravemente indiziato del reato di estorsione continuata ed aggravata in danno di alcuni parenti. La famiglia gestisce da tempo una tavola calda ubicata in Via Galiani. Il padre del pregiudicato, che è uno dei soci, si è però trasferito all’estero e l’attività di famiglia è rimasta nelle mani di suo fratello e sua sorella. In passato, il 40enne si era spesso recato dagli zii a chiedere soldi e questi ultimi, come anche successivamente riferito alla Polizia, lo avevano sempre accontentato. Ultimamente le richieste del nipote avevano però assunto un carattere sempre più insistente ed erano arrivate al punto di intimare la vendita dell’attività in modo da potersi appropriare del denaro derivante dalla liquidazione della quota societaria del padre. Rispetto al rifiuto degli zii, motivato anche dal fatto che il padre non gli aveva conferito alcuna delega, il 40enne ha iniziato a minacciarli. Una volta ha puntato la forchetta alla testa a sua zia. Un’altra volta si è invece presentato armato di bastone con il quale ha poi rotto un vetro ed un frigorifero. Terrorizzati dalle continue incursioni del violento nipote, i due zii sono stati costretti a chiudere l’attività per alcuni giorni. L'uomo ha quindi diretto le sue minacce all’anziana nonna allettata. La sua ultima incursione, terminata con lancio di pietre contro le finestre, ha costretto la donna a trasferirsi presso amici di famiglia. In seguito alla denuncia dei familiari, i poliziotti del Commissariato San Ferdinando hanno acquisito tutti gli indizi necessari per procedere al fermo del 40enne. Lo hanno quindi raggiunto e bloccato verso le 07.30 nel cortile di un parco di Via Arlotta dove abita. L'uomo è stato pertanto sottoposto a fermo e subito condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©