Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Quattro fendenti all'addome e alla gamba. Indaga la polizia

Napoli, agguato ai Quartieri: 22enne ferito a pugnalate


Napoli, agguato ai Quartieri: 22enne ferito a pugnalate
09/06/2010, 07:06

Erano lì per ucciderlo. Lo stavano aspettando. Quando poi si è materializzato, i due non hanno esitato a colpirlo più volte con dei micidiali fendenti all’addome e alla coscia destra. L'obiettivo del raid, però, è fallito: le pugnalate non hanno ucciso. Ferite lievi, diranno poi i sanitari del Vecchio Pellegrini. Ma con molta probabilità i killer che la notte tra lunedì e martedì hanno accoltellato alle spalle Salvatore Pastore, 22 anni, del Pallonetto di Santa Lucia, avevano un solo intento: eliminarlo. Il giovane non è in pericolo di vita. Le sue condizioni, secondo i sanitari del nosocomio della Pignasecca, non destano preoccupazioni. Stando al racconto fornito agli inquirenti (sul raid indagano il commissariato Montecalvario e gli agenti della Squadra Mobile di Napoli) il 22enne, incensurato, stava passeggiando in via Sergente Maggiore, cuore dei Quartieri Spagnoli, quando i due aggressori l’hanno bloccato ed accoltellato alle spalle. Quattro fendenti l’hanno raggiunto all’addome e due alla coscia destra. Il giovane è stato immediatamente ricoverato al Vecchio Pellegrini, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Le dichiarazioni del giovane intanto sono al vaglio degli inquirenti: non è escluso che alla base dell’accaduto possa esserci un vecchio rancore o un motivo passionale. Forse una "punizione", oppure semplicemente i due aggressori non sono riusciti ad uccidere la vittima, fatto sta che le pugnalate infertegli non gli avrebbero lasciato via di scampo, se l'avessero colpito in un punto vitale. Il silenzio del 22enne, che non ha fornito elementi utili ai fini dell’indagine, lascia dedurre che la vittima possa conoscere i due malviventi. Le indagini della polizia proseguono senza tralasciare alcuna pista.   

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©