Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrate tonnellate di pesce avariato

Napoli, al via l'operazione "Cenone Tranquillo"


.

Napoli, al via l'operazione 'Cenone Tranquillo'
31/12/2009, 09:12


NAPOLI - Spigole, orate, astici ma anche alici, cozze, vongole e gamberetti: tutti pronti per imbandire le tavole dei napoletani e per rendere ricco il cenone di Capodanno. Pesce spacciato per fresco e pagato, di conseguenza, a prezzi esagerati. Ma anche pane prodotto in forni illegali e cibi adulterati. Lo hanno scoperto gli uomini della Capitaneria di Porto di Napoli, i Nas e gli esperti dell'Asl, che hanno effettuato negli ultimi giorni numerosi sequestri in tutta l'area vesuviana. L'operazione ha portato al sequestro di numerose tonnellate di prodotti ittici e agroalimentari di varia natura, stipati in diverse celle frigorifere. L'ultimo blitz ieri mattina: sequestrati quattro agnelli e sessanta chili di molluschi in due supermercati di Fuorigrotta; operazioni coordinate da Enrico Fariello, direttore del servizio igiene degli alimenti di origine animale, e Vincenzo Caputo, coordinatore area sanità pubblica veternitaria dell'Asl. Gli atti sono stati trasmessi in Procura. In più, 530 chili di carne e uova sono stati sequestrati nella zona di piazza Garibaldi, cinquanta chili di molluschi tra Posillipo, Chiaia e San Ferdinando. Verifiche intensificate proprio nel periodo di Capodanno per assicurare che quello che arriva sulle tavole degli italiani sia assolutamente genuino. Visti i prezzi, che almeno la qualitá sia garantita.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©