Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NAPOLI: AL VOMERO SCALE... IMMOBILI


NAPOLI: AL VOMERO SCALE... IMMOBILI
01/07/2008, 14:07

“Oramai al Vomero è una costante. Da quando sono state inaugurate le scale mobili di collegamento tra via Scarlatti e la stazione di monte della funicolare di Chiaia, non si contano le volte che la prima rampa, quella più a valle, non può essere utilizzata dalle tante persone, per lo più anziani, che devono raggiungere l’area di San Martino – denuncia Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. L’ultimo guasto risale ad alcuni giorni addietro e perdura a tutt’oggi ma il motivo di tale fermo è ignoto a tutti, Metronapoli compresa “.
“Difatti ho chiamato personalmente il call center dell’azienda ( tel. 800568866 )- prosegue Capodanno - ma la disfunzione non era presente nelle cosiddette perturbazioni di servizio. Davvero sintomatico del modo come funzionano, o meglio non funzionano, le cose nel trasporto pubblico napoletano dove, come suol dirsi, la mano destra non sa cosa fa la sinistra e viceversa “.
“Sarebbe davvero singolare che la ditta, alla quale è affidata la manutenzione dell’impianto, intervenisse, sopprimendo il servizio, senza essere sollecitata dalla stessa Metronapoli – prosegue Capodanno -. Comunque non è possibile fermare un impianto fondamentale per i collegamenti con l’intera zona di San Martino senza neppure uno straccio di cartello che precisi i tempi ed i motivi del fermo ( foto allegata ). E’ questione anche di rispetto nei confronti dei cittadini che vengono privati di un servizio pubblico essenziale “.
“Considerando che per la realizzazione di tutto l’impianto di collegamento – conclude Capodanno - ci sono voluti circa due anni e si sono spesi circa 4 miliardi delle vecchie lire sarebbe il caso che l’amministrazione comunale nominasse una commissione d’indagine per verificare i motivi di questi frequenti guasti, che peraltro riguardano solo questa rampa delle tre realizzate, nonché le ragioni dei lunghi tempi di riparazione ”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©