Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, algerino in manette per tentato omicidio e rapina


Napoli, algerino in manette per tentato omicidio e rapina
10/06/2011, 09:06

Ieri sera, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno arrestato un 34enne cittadino algerino residente ad Acerra, per rapina, tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale.

La rapina è avvenuta poco prima delle 23.00 e secondo quanto riferito da un testimone, l’uomo si era avvicinato alla sua vittima che in quel momento era seduto su una panchina e senza proferire parola gli aveva strappato, con inaudita violenza, una catenina che l’uomo portava al collo. Ne era scaturita poi una violenta colluttazione. Il rapinatore aveva avuto la meglio e la vittima era invece caduta al suolo sbattendo il viso che dopo poco aveva iniziato a sanguinare copiosamente. L’autore della rapina si era poi allontanato.

Pochi istanti dopo, i poliziotti stavano transitando lungo Via Bologna quando sono stati avvisati dal testimone, un 20enne in sella al proprio motociclo, circa la rapina appena avvenuta. Il giovane ha anche riferito che il rapinatore, un nordafricano, era ancora all’angolo con Via Firenze. Appresa la descrizione dell’uomo l’hanno quindi raggiunto. Lo straniero ha però provato a sottrarsi alla cattura generando una violenta colluttazione con gli agenti. Giunti sul posto altri poliziotti, il cittadino algerino è stato però immobilizzato ed arrestato. Sottoposto a perquisizione personale è risultato in possesso non solo della catenina appena rubata ma anche di un braccialetto e di un anello.

Contemporaneamente altri poliziotti hanno cercato la vittima della rapina, un cittadino nordafricano. L’uomo è stato rinvenuto riverso al suolo, privo di sensi e sanguinante dal capo. Trasportato immediatamente all’Ospedale Loreto Nuovo, il ferito è stato ricoverato in rianimazione in stato di totale incoscienza. La diagnosi dei medici ha rilevato un politrauma cranico facciale e la prognosi è stata giudicata riservata.

L’algerino, con a suo carico precedenti penali e di polizia, per reati conto il patrimonio, violazione alla legge sugli stupefacenti e alla legge sull’immigrazione, è stato pertanto condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Sono in corso gli accertamenti per poter identificare la vittima della rapina privo di documenti ed al momento ancora incosciente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©