Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Assaltati gli autocompattatori diretti a Chiaiano

Napoli: ancora rifiuti e raid, torna l'esercito

Nelle strade giacciono 1500 tonnellate di immondizia

.

Napoli: ancora rifiuti e raid, torna l'esercito
27/12/2010, 16:12

NAPOLI - Nessuno spiraglio di salvezza per Napoli, ancora avvolta nella morsa dell'emergenza rifiuti. Anche a Natale la città si è svegliata sommersa dall'immondizia. Anzi, peggio del solito: scatoloni e sacchetti hanno intasato le strade, raggiungendo la quota di 1500 tonnellate. L'esercito è stato nuovamente chiamato a intervenire, per raccogliere l'immondizia dopo il blocco degli stir.
Intanto, nella scorsa notte, si è consumato l'ennesimo raid ai danni di alcuni autocompattatori diretto verso la discarica di Chiaiano. Circa 150 cittadini, secondo quanto ricostruito dalla polizia, hanno bloccato e danneggiato nove compattori dell'Asia. In piazza Rosa dei Venti, i cittadini hanno infranto i vetri dei finestrini dei camion e sgonfiato le ruote. Nonostante i danneggiamenti, cinque camion sono riusciti a sversare regolarmente.

E' la seconda volta che i soldati italiani sono costretti ad intervenire nel capoluogo partenopeo per dedicarsi alla raccolta dei rifiuti.
Al lavoro dall'alba, l'esercito è riuscito a raccogliere circa 50 tonnellate di rifiuti nella zona tra via Don Bosco e viale Umberto Maddalena.

A peggiorare la situazione, il fatto che durante il weekend di Natale l'unico impianto aperto era la discarica di Chiaiano, dove però, in seguito ad un accordo con i residenti del posto, non possono essere conferite più di 800 tonnellate di spazzatura al giorno. Intanto, il Comune di Napoli continua a lanciare il suo appello ai napoletani: non gettare fino a lunedì tutti gli imballaggi di cibi e regali di Natale, proprio per evitare di intasare ulteriormente l’ingombro dei rifiuti per le strade. Da oggi la situazione dovrebbe cominciare a normalizzarsi.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©