Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli Antirazzista: "continuano gli scontri a Santa Maria Capua Vetere"


Napoli Antirazzista: 'continuano gli scontri a Santa Maria Capua Vetere'
14/04/2011, 10:04

"Continua l'assurda detenzione dei profughi maghrebini nell'ex-caserma di Santa Maria Capua Vetere! Una situazione al limite del "sequestro di persona", visto che il CAI (Centro di accoglienza e di identificazione) è l'ennesimo mostro giuridico che non esiste nella normativa italiana, già razzista di suo. Non è formalmente un CIE (e del resto queste persone non sono destinatarie di un provvedimento di espulsione, ma, secondo lo stesso decreto del governo, dovrebbero ricevere un permesso seppur temporaneo) non è un centro di accoglienza, non è un "CARA" (per richiedenti asilo), sono abbondantemente trascorsi i tempi del fermo di polizia... e allora perchè queste persone vengono detenute !!?? Tanto più che non hanno incontrato nessun figura di garanzia giudiziaria (perfino nel CIE entro 48 ore il fermo dev'essere convalidato almeno dal giudice di pace). Una violazione gravissima e per altro anche una palese disparità di trattamento con gli altri profughi che altrove (v. Manduria) possono entrare e uscire liberamente. Appare chiaro che siamo in presenza dell'ennesima situazione da "Stato d'eccezione", di una privazione grave, arbitraria e discrezionale della libertà personale subordinata alle varie speculazioni politiche e alle penose diatribe internazionali che si giocano sulla pelle di questa persone! Una situazione di limbo con i forti disagi della detenzione di massa che attacca il fondamentale diritto alla libertà e genera comprensibilissima rabbia e frustrazione  A tutto questo si contrappone invece la reazione anche violenta delle forze dell'ordine. In una situazione opaca e inquietante da campo-lager, che è svelata solo grazie alle telefonate che arrivano dall'interno e che sono state riportate da vari giornali. Dopo le cariche e i pestaggi di due notti fà, con l'uso dei cani a scopo intimidatorio e lanci di lacrimogeni tra le tende del campo (!!) stamani ancora una giornata di grave tensione, con un'altra carica, con la celere schierata tutto il giorno, con un ragazzo maghrebino pestato solo perchè faceva foto della situazione col suo telefonino!! Stiamo assistendo a una condizione di razzismo e segregazione indegna e inaccettabile! Le realtà antirazziste di Napoli e Caserta che sono state a Santa Maria Capua Vetere hanno proposto una mobilitazione fuori il centro per Giovedi 14 aprile, la mattina alle 11.00. Da Napoli la partenza in pullmans è alle ore 9.00 da piazza Garibaldi (Hotel Terminus). Cerchiamo di diffondere il più possibile la mobilitazione che rivendica il rilascio immediato e il diritto ai documenti per tutti (un permesso vero, perchè quello previsto dal decreto consegna tutte queste persone alla clandestinità tra pochi mesi), il diritto a un accoglienza degna per profughi e migranti. Infine la chiusura immediata di questo carcere etnico di Santa Maria Capua Vetere, che rischia di diventare permanente, rappresentando quel CIE che da molto tempo il ministro Maroni minaccia anche in Campania e al quale sempre ci opporremo!  Questa iniziativa si iscrive anche nell'ambito delle mobilitazioni in vista della manifestazione contro la guerra alla base NATO di Bagnoli per sabato 16 aprile! Realtà antirazziste, collettivi e centri sociali di Napoli e Caserta, Forum antirazzista, comunità tunisina di Napoli.". Così una nota stampa a cura del movimento NAPOLI ANTIRAZZISTA.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©