Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, arrestato il fratello di Michele Zagaria


Napoli, arrestato il fratello di Michele Zagaria
27/01/2011, 10:01

Nel pomeriggio di ieri la Squadra Mobile di Napoli ha arrestato a Cancello Arnone (NA) ZAGARIA Carmine, di anni 43, fratello del noto superlatitante Michele ZAGARIA.

L’arresto è avvenuto in esecuzione dell’ordinanza del Tribunale del Riesame di Napoli n. 7962/2010 RIM che ha ripristinato a carico di ZAGARIA Carmine la custodia cautelare in carcere emessa il 17 marzo 2010 dal Giudice per le indagini preliminari nei confronti suoi e di altri 15 affiliati al “clan dei casalesi” per associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione aggravata e continuata nonché detenzione e porto abusivo di armi comuni da sparo.

ZAGARIA Carmine viene ritenuto responsabile, insieme al fratello latitante Michele e a ZAGARIA Nicola, NOBIS Raffaele e FONTANA Antonio, questi ultimi a suo tempo arrestati e tuttora in carcere, di un tentativo di estorsione aggravata dall’art. 7 L. 203/91 commesso nell’aprile del 2007 nei confronti di un imprenditore edile.

L’imprenditore, infatti, concesse un subappalto ad altra impresa edile per la realizzazione di dieci appartamenti a Cento, in provincia di Ferrara, ricevendo poco dopo lamentele da parte delle ditte fornitrici dei materiali da costruzione per un debito complessivo di oltre 200 mila euro che la ditta cui era stato affidato il subappalto non aveva onorato.

Non riuscendo a pagare il debito, il titolare dell’impresa subappaltatrice forniva in garanzia al titolare della ditta appaltante un’abitazione di sua proprietà e in tale ottica veniva stipulato un contratto preliminare di vendita registrato.

Il subappaltatore, non riuscendo a onorare il debito e non volendo perdere la proprietà dell’appartamento, si rivolgeva ad esponenti della famiglia Zagaria perché facessero pressioni, attraverso minacce e aggressioni fisiche, nei confronti dell’appaltatore per indurlo a rinunciare al debito.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©