Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, arrestato per aver dichiarato false generalità


Napoli, arrestato per aver dichiarato false generalità
28/02/2011, 12:02

Ieri pomeriggio, in Via albanese, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli hanno arrestato il pregiudicato S.S., 27enne di Giugliano, per aver fornito a pubblico ufficiale false dichiarazioni circa la propria identità, per sostituzione di persona e per aver violato il divieto di ritorno nel Comune di Napoli.

Verso le 15.30, transitando in Via Albanese, conosciuta quale roccaforte di un noto pregiudicato della zona, i poliziotti hanno deciso di fermare e sottoporre a controllo alcune persone li ferme.

Intuita l’intenzione degli agenti, i membri del gruppetto si sono immediatamente allontanati in diverse direzioni. In quattro sono stati comunque fermati ed identificati.

Su S.S. i poliziotti hanno però avuto dubbi circa la sua identità e siccome era privo di un documento d’identità, lo hanno portato in Questura. L’uomo inizialmente aveva dichiarato come nome di battesimo e data di nascita quelli del fratello minore. Nel corso degli accertamenti il fermato ha poi dichiarato che il nome fornito all’atto del controllo in Via Albanese era in realtà quello del fratello. Il suo vero nome, lo aveva nascosto in quanto sottoposto ad un divieto di ritorno nel Comune di Napoli.

Utilizzare il nome del fratello gli avrebbe infatti evitato non solo le sanzioni derivanti dalla violazione all’obbligo di ritorno, ma anche che i poliziotti rilevassero che al momento del controllo era in compagnia di persone pregiudicate ed appartenenti al clan della zona. Poco più tardi, alcuni suoi familiari gli hanno consegnato la carta d’identità dalla quale è stato quindi possibile apprendere le sue corrette generalità.

In considerazione dei numerosi pregiudizi di polizia e penali di cui è gravato, quali rapina, furto, evasione e violazione alla normativa sulle armi, e della gravità delle sue azioni,

S.S. è stato arrestato con l’accusa di aver fornito false dichiarazioni ad un pubblico ufficiale ed inoltre indagato per sostituzione di persona finalizzata a procurare a se un vantaggio arrecando danno ad un altro soggetto e per aver violato gli obblighi della misura di prevenzione del non ritorno a Napoli cui era stato sottoposto. Domani mattina S.S. sarà processato con rito direttissimo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©