Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L’Anm: in queste condizioni impossibile garantire servizio

Napoli, autista accoltellato per aver rimproverato un giovane


Napoli, autista accoltellato per aver rimproverato un giovane
17/11/2009, 17:11

NAPOLI – L’autista di un autobus dell’Anm è stato accoltellato questa mattina a Napoli, nei pressi dello stazionamento di via Brin. Poco prima, come ricostruito dall’azienda, su uno degli autobus erano saliti due giovani; uno di loro si era seduto al posto di guida. Invitato a spostarsi dall’autista, il ragazzo ha fatto finta di non sentire. Successivamente, quando è arrivato un altro dipendente dell’Anm in aiuto del collega, i due giovani sono finalmente scesi dal mezzo. Uno di loro però, prima di allontanarsi, ha colpito con un fendente il conducente ‘colpevole’ di aver fatto il rimprovero. L'autista è ricoverato all’ospedale Loreto Mare; le sue condizioni non sono gravi.
“Ho spesso parlato di intervento delle istituzioni e delle forze dell’ordine per scongiurare situazioni irreparabili, ho spesso detto di lavorare per non dover più parlare di tragedie annunciate. Oggi ho rischiato di fare come Cassandra”, dice Antonio Simone, presidente dell’Anm. “Sono indignato che persone al servizio dei cittadini debbano subire situazioni da coprifuoco, - aggiunge, - oggi l’aggressione, ieri i bus incendiati, altri giorni gli insulti”. “Pur nella consapevolezza che parliamo di minoranze violente rispetto ad una moltitudine di persone perbene, il non fare nulla equivale a tollerare e questa azienda non può tollerare, - conclude, - il trasporto deve adeguarsi al contesto e quindi, in alcuni casi, quando mette a rischio l’incolumità delle persone, non può essere garantito”. Non è la prima volta che i dipendenti dell’Anm si trovano ad affrontare situazioni che mettono a rischio non solo l’incolumità propria ma anche quella dei passeggeri. Se i casi più eclatanti hanno fatto scalpore, oramai passano sotto silenzio quelli che sono tristemente entrati a far parte della normalità: un esempio su tutti, le sassaiole che giovanissimi vandali organizzano in alcune strade napoletane al passaggio dei pullman.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©