Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Il corpo rinvenuto a Sant'Anastasia, nel feudo dei Sarno

Napoli, cadavere bruciato ritrovato sulla Statale


Napoli, cadavere bruciato ritrovato sulla Statale
12/06/2009, 18:06

Non ha ancora un nome l’uomo trovato semi carbonizzato oggi nel Napoletano, in una piazzola di sosta della Statale 268, poco distante dall’uscita di Sant’Anastasia, area vesuviana. Il corpo è stato scoperto dai vigili urbani dopo la segnalazione di alcuni passanti. L’area del ritrovamento del cadavere rientra nel territorio dove è attivo il clan Sarno e, viste le modalità dell’omicidio, non è difficile pensare che dietro ci siano matrici camorristiche.
Gli automobilisti che hanno notato il corpo hanno creduto in un primo momento che si trattasse di un manichino. Poi, avvicinandosi, si sono resi conto che si trattava di un essere umano e quindi hanno avvisato i vigili di Cercola, che a loro volta hanno chiamato i carabinieri.
Le indagini sono ancora in corso. Per il momento si sa che il cadavere appartiene ad un uomo, prima ucciso con almeno cinque colpi di arma da fuoco alla schiena. Non è chiaro se l’uomo sia stato ucciso sulla piazzola di sosta o altrove, né dove sia stato dato alle fiamme. Addosso alla vittima non sono stati trovati documenti. Unico indizio, la fede nuziale, sulla quale era incisa un nome femminile ed una data. Gli investigatori sono riusciti a prelevare le impronte digitali dell’uomo per effettuare confronti con gli archivi, nella speranza di identificarlo. Passate in rassegna anche le denunce di scomparsa presentate nei giorni e nei mesi scorsi alle forze dell’ordine.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©