Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La donna attese sei ore al Fatebenefratelli per degli esami

Napoli: caso D’Aniello, salgono a sette gli indagati


Napoli: caso D’Aniello, salgono a sette gli indagati
13/04/2012, 20:04

NAPOLI – Continuano a ritmo serrato le indagini sulla morte della 40enne, Claudia D'Aniello. La donna malata di tumore, secondo la denuncia dei familiari, fu lasciata in preda a dolori lancinanti per sei ore in attesa di accertamenti diagnostici nel pronto soccorso dell'ospedale Fatebenefratelli.
Nel registro degli indagati il numero degli iscritti è salito a sette: si tratta di un medico in servizio al nosocomio individuato oggi. Sei medici, uno del Fatebenefratelli e cinque dell'istituto dei tumori Pascale, erano già stati iscritti nel registro degli indagati nei giorni scorsi per il reato di omicidio colposo.
Domani alle 15, dovrebbe esserci l'autopsia sulla salma.
E anche l’Asl, intanto, ha avviato una indagine interna. Il commissario dell’Asl Napoli 1, Maurizio Scoppa ha fatto sapere che qualora mancassero i requisiti per svolgere le attività sanitarie e, soprattutto, quelle del pronto soccorso si potrebbe andare incontro alla revoca temporanea o permanente delle autorizzazioni a svolgere talune o più attività. Da martedì scorso è al lavoro una commissione d'inchiesta con l'obiettivo di verificare l'idoneità di strutture pubbliche e private che fanno capo all'Asl Napoli 1. Punto di partenza è proprio il nosocomio di via Manzoni.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©