Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli: commercianti "sporcaccioni" al Vomero


Napoli: commercianti 'sporcaccioni' al Vomero
13/10/2010, 17:10


NAPOLI - "Molti commercianti del Vomero danno il loro 'contributo' non indifferente per rendere più sporca la Città – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari - Basta girare per le strade del quartiere per osservare che, sin dalle prime ore della mattinata, molti cassonetti sono già pieni di materiali d’imballaggi, dei quali è anche facile stabilire la provenienza dalle etichette o dai marchi applicati sullo scatolame". "Ma dove sono i controlli? – si domanda Capodanno – Che fine hanno fatto i 'vigili ecologici' che dovevano contravvenzionare gli 'sporcaccioni', tra i quali appunto coloro che depositavano i rifiuti solidi urbani nei cassonetti al di fuori degli orari consentiti?". "Se alla mancanza di una seria politica per la raccolta differenziata – prosegue Capodanno – aggiungiamo anche queste brutte abitudini che si vanno diffondendo a macchia d’olio, il gioco è fatto: Napoli non potrà essere mai pulita ed è condannata a rimanere una grande pattumiera, dove ogni tanto l’immondizia viene nascosta sotto il tappeto, per ricomparire nei giorni seguenti". "Né fanno eccezione strade importanti come via Scarlatti dove, nel tratto pedonalizzato, si affacciano le vetrine di griffe internazionali – puntualizza Capodanno -. Tra le altre quelle di una nota società di abbigliamento maschile, che ha adottato a proprio simbolo un bassotto giallo dalle gambe corte. Non tanto corte però da non riuscire a deporre imballaggi di cartone e sacchetti dell’immondizia fuori dall’esercizio commerciale, esposti sulla pubblica via (foto allegata)".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©