Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, controlli nella movida partenopea


Napoli, controlli nella movida partenopea
21/03/2011, 12:03

Schieramenti di uomini e mezzi della Polizia di Stato, nella notte di sabato, per i controlli nel cuore della movida partenopea. Impegnati agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e della Polizia Stradale che hanno presenziato le strade tra Piazza Sermoneta e Via Mergellina.

Gli uomini del Commissariato San Ferdinando hanno effettuato una serie di controlli amministrativi ad esercizi commerciali, da via Martucci a Vico dei Sospiri ed i poliziotti del commissariato Decumani, collaborati dal Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno monitorato i Decumani.

Poco prima delle 01.00 i poliziotti del commissariato Decumani, transitando in Piazzetta Nilo, hanno notato un gruppo di ragazzini, di cui uno armato di pistola, minacciare una donna facendosi consegnare la borsa. Gli agenti sono immediatamente intervenuti riuscendo, dopo una breve colluttazione, a bloccare il rapinatore che impugnava la pistola mentre i complici si allontanavano.

I poliziotti hanno accertato che il rapinatore, G. E. ha solo 16 anni, compiuti lo scorso mese di gennaio, ma all’attivo ha già diversi precedenti di polizia. La pistola, una perfetta replica in metallo della beretta fs, privata del tappo rosso e modificata, è stata sequestrata. Il minore è stato arrestato per il reato di rapina aggravata e condotto al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei. La borsa è stata restituita alla vittima che è ricorsa alle cure dei sanitari del Loreto Mare dove è stata refertata per trauma contusivo al polso.

Successivamente, poco dopo le 04.00, tra Piazzetta Nilo e San Biagio ai Librai, i poliziotti hanno arrestato F.C., napoletano 31enne, per il reato di tentato furto con strappo. I poliziotti hanno notato l’uomo a bordo di uno scooter, un Honda SH, che con mossa fulminea aggancia la borsa portata a tracolla da una ragazza. Gli agenti sono intervenuti bloccando lo scippatore prima che potesse far del male alla vittima.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©