Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, coppia di rapinatori fermati dopo rapina nella Galleria Umberto I


Napoli, coppia di rapinatori fermati dopo rapina nella Galleria Umberto I
07/06/2011, 11:06

G.F., pregiudicato di 25 anni, sottoposto al regime degli arresti domiciliari e V.C., 35enne con pregiudizi di Polizia, sono stati sottoposti a fermo di P.G., dagli agenti della VI^ sezione della Squadra Mobile, perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di rapina.

I due, infatti, nel tardo pomeriggio di giovedì, all’interno della Galleria Umberto I, dopo essersi introdotti in un noto esercizio commerciale di abbigliamento, si sono impossessati di 7 camicie “Ralph Lauren” del valore di €.980,00 e 3 costumi da mare, di marca “Sundek”, del valore di €.360,00.

La scena è stata notata da un impiegato del negozio che, dopo aver visto la coppia aggirarsi con fare sospetto, mentre maneggiava vari capi di abbigliamento, si è accorto che, in maniera fulminea, i due nascondevano la refurtiva all’interno di una borsa in loro possesso.

Invano il tentativo dell’impiegato di bloccare i due ladri che, per guadagnarsi la fuga, non hanno esitato a colpirlo all’addome con un pugno per poi spintonarlo, dileguandosi.

Il passo, tra quello che doveva essere un furto e la rapina, configuratasi a seguito della violenza usata nell’attimo in cui i due sono stati scoperti, è stato breve.

A seguito di denuncia, presentata presso la Questura di Napoli, grazie alla minuziosa descrizione fornita dalla vittima, gli agenti della Squadra Mobile sono riusciti a delineare il profilo dei due rapinatori, dediti a questa tipologia di reato.

L'uomo, credendo di assicurarsi l’impunità, in quanto sottoposto alla detenzione domiciliare, condizione che l’avrebbe favorito per un alibi, è stato riconosciuto dalla vittima, senza ombra di dubbio, così come anche la sua complice, dapprima a seguito di una ricognizione fotografica e, successivamente a seguito d’individuazione personale.

I poliziotti hanno rintracciato la coppia, nel pomeriggio di ieri, presso le rispettive abitazioni, sottoponendola a fermo di P.G.. I due, che si erano già disfatti della refurtiva, vendendola a prezzi di realizzo, sono stati condotti presso il Carcere di Poggioreale e quello di Pozzuoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©