Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NAPOLI, DEDALUS E VODAFONE INSIEME PER I MINORI


NAPOLI, DEDALUS E VODAFONE INSIEME PER I MINORI
05/11/2008, 11:11

Cooperativa Dedalus e Fondazione Vodafone Italia insieme per
l’interculturalità. Un centro per i minori, in particolare quelli stranieri, soli o con famiglia, nella difficile zona orientale di Napoli utilizzando un immobile confiscato alla camorra. E' l'iniziativa finanziata dalla Fondazione Vodafone Italia e realizzata dalla cooperativa sociale Dedalus, che sarà presentata nel corso di una conferenza stampa giovedì 6 novembre alle ore 11 nella Sala consiliare della IV Municipalità del Comune di Napoli (via Gianturco 99). All'incontro interverranno D. Lebro, presidente della IV Municipalità; E. Esposito, Fondazione Vodafone Italia; F. Di Mezza, Assessore al Patrimonio del Comune di Napoli; G.Riccio, Assessore alla Politiche sociali del Comune di Napoli; E. de Filippo, Presidente della cooperativa Dedalus; G. Fiorenza, Associazione Libera; delegazioni di studenti del Liceo Scientifico “R. Caccioppoli”, del ICS/CTP “Bovio – Colletta” e dei ragazzi stranieri del
progetto El Bab attuato dalla Dedalus. In occasione della conferenza stampa verranno presentati due laboratori, da realizzarsi nel corso del progetto, a
cura di Riccardo Sivelli, scenografo, curatore tra l’altro delle scenografie del progetto teatrale “Pinocchio Nero” in collaborazione con Amref, e di Pietro Perotti, scultore e scenografo, genio della gommapiuma e realizzatore insieme a Stefano Benni, Altan e Riccardo Sivelli di “Mondo Babonzo
– Il Museo delle creature immaginarie”. Sivelli e Perotti saranno presenti alla conferenza stampa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©