Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fermata banda criminale che agiva tra Nigeri,Libia e Italia

Napoli: donne ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi, 7 arresti

Le ragazze venivano soggiogate con riti voodo

Napoli: donne ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi, 7 arresti
16/12/2010, 12:12

NAPOLI - Un "copione" già noto alle forze dell'ordine che, diversi mesi fa, avevano sgominato una banda criminale che, utilizzando riti voodo, costringeva a schiavitù e prostituzione decine di giovani donne africane.
Al termine dell'indagine della sezione extracomunitari della squadra mobile coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, sono infatti finite in manette sei donne ed un uomo che gestivano una vera e propria organizzazione criminale capace di lucrale sul traffico di esseri umani e sulla prostituzione tra Nigeria, Libia e Italia.
Per i sette, tutti di nazionalità nigeriana, pendono le accuse di riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.
Le ragazze, selezionate in base all'età, all'avvenenza fisica e allo status economico delle famiglie d'appartenenza, venivano poi affidare alle "cure" della leader del gruppo (che si fa chiamare "madame") la quale riusciva a terrorizzarle praticando riti voodo.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©