Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’appello a chi ha posti di responsabilità

Napoli e la crisi, Sepe: “Spezziamo la catena dei suicidi”


Napoli e la crisi, Sepe: “Spezziamo la catena dei suicidi”
01/05/2012, 20:05

NAPOLI – E’ l'arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, a lanciare un grido d’aiuto a chi ha posti di responsabilità per fermare la catena dei suicidi che sta avvenendo in Italia a causa della crisi economica. “La terapia – dice - deve portare a una società più sana e più giusta, non a una società più povera. Lasciamo aperte le porte alla speranza”.
L’appello del cardinale, arriva dopo il suicidio del portiere di uno stabile al Corso Garibaldi. L’uomo si è tolto la vita per la preoccupazione del licenziamento. “La Chiesa continuerà a lavorare in questa direzione, come ha potuto testimoniare il Giubileo per Napoli che ha fatto scoprire tante eccellenze, tante risorse, tanta voglia di fare e tanta disponibilità a lavorare in sinergia. La chiave di volta del ragionamento non sta nel gestire il quotidiano con rigore e secondo le esigenze del momento, ma - ha osservato ancora il cardinale Sepe - nel costruire parallelamente il cambiamento, ponendo le premesse concrete di un diverso futuro, perché a nessuno può essere tolto improvvisamente il pane e con esso anche la speranza di una prospettiva nuova”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©