Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, fermato 17enne per rapina


Napoli, fermato 17enne per rapina
08/06/2011, 12:06

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Polizia “Arenella”, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria R.C., 17enne napoletano, in quanto gravemente indiziato di rapina aggravata in concorso. I fatti si sono verificati lo scorso 31 maggio in Via Sant’Ignazio di Loyola verso le 19.00. La vittima predestinata era in sella al suo motociclo quando si è accorto di essere seguito da tre persone su due diversi scooter e tutti indossanti caschi “Momo”. Insospettito e spaventato aveva accelerato e si era diretto verso casa. I tre lo avevano però inseguito e bloccato sull’uscio della propria abitazione.  Uno dei tre rapinatori gli aveva quindi puntato la pistola contro e dopo averlo minacciato, insieme ai complici lo aveva rapinato del motociclo e del borsello.

Il giorno dopo la vittima della rapina aveva presentato denuncia al Commissariato descrivendo tra l’altro molto dettagliatamente tanto i rapinatori quanto i due motocicli utilizzati per la rapina. Ieri pomeriggio i poliziotti stavano transitando lungo la stessa strada dove la vittima della rapina era stata “agganciata” dai rapinatori, quando hanno incrociato un ragazzo in sella ad uno scooter che dalle caratteristiche fisiche corrispondeva a quello descritto dal denunciante. Il giovane dal canto suo, appena intravista l’autovettura dei poliziotti ha accelerato l’andatura ma è stato prontamente inseguito e bloccato.

Sotto la sella del mezzo, i poliziotti hanno rinvenuto un coltello a serramanico di circa 15 centimetri. R.C. è stato pertanto subito condotto presso gli uffici del Commissariato dove contemporaneamente, in seguito ad una perquisizione domiciliare presso la sua abitazione, è stato rinvenuto un caso di marca “Momo” simile a quello utilizzato per la rapina. R.C. è stato quindi sottoposto ad individuazione di persona e riconosciuto quale uno degli autori della rapina del 31 maggio scorso. Il minore è stato pertanto fermato e condotto al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei mentre il suo ciclomotore è stato sottoposto a sequestro in quanto utilizzato per la commissione di un reato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©