Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, fermato il secondo aggressore dello srilankese accoltellato il mese scorso


Napoli, fermato il secondo aggressore dello srilankese accoltellato il mese scorso
02/09/2011, 10:09

Ieri mattina, i poliziotti della Squadra Mobile di Napoli, hanno eseguito un fermo a carico di G.G., 17enne, appartenente ad una famiglia di pregiudicati di Forcella, in quanto ritenuto responsabile di tentato omicidio e tentata rapina aggravata.

I fatti si erano svolti lo scorso 22 agosto, in Via Emanuele De Deo verso le 02.30 dove un giovane cittadino dello Sri Lanka, tornando da lavoro, aveva subito un tentativo di rapina da parte di due giovani. Nel corso dell’aggressione, la vittima era stata più volte colpita al torace e agli arti superiori con un coltello. Soccorso dal alcuni passanti, il giovane era stato accompagnato al Vecchio Pellegrini dove i sanitari, dopo averlo medicato e ricoverato, lo avevano giudicato guaribile in 20 giorni.

Successivamente a quanto accaduto, i poliziotti avevano dato vita ad una serrata attività investigativa che si era poi concretizzata nell’identificazione di uno degli autori della violenta rapina: Antonio Grimaldi. Pregiudicato per reati contro il patrimonio, il giovane rapinatore era stato quindi rintracciato presso la sua abitazione ed accompagnato presso gli uffici della Questura. Grimaldi è stato poi riconosciuto senza ombra di dubbio dalla vittima quale uno degli autori della rapina ed in particolare quella armato di coltello che nel tentativo di impossessarsi dei suoi beni, lo aveva più volte accoltellato. Sulla scorta dei gravi indizi di colpevolezza acquisiti, Antonio Grimaldi era stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria.

Le indagini svolte nei giorni successive hanno portato i poliziotti all’identificazione del secondo complice: il 17enne G.G. Il minore è stato quindi riconosciuto dalla vittima della rapina attraverso una ricognizione fotografica. Alla luce dei gravi indizi di colpevolezza raccolti dalla Polizia, la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori ha pertanto emesso a carico di G.G. un decreto di fermo.

Ieri mattina il ragazzo è stato quindi raggiunto dagli agenti che lo hanno sottoposto al provvedimento e subito condotto al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©