Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, Forum della Famiglia - Le conclusioni


Napoli, Forum della Famiglia - Le conclusioni
24/01/2011, 12:01

Napoli – Con una lettera del giornalista Tiberio Timperi, inviata alla presidente dell’Ofi Martina Ferrara, si è aperto l’ultimo incontro dei Forum della Famiglia svoltisi alla Mostra d’Oltremare di Napoli. Il conduttore del programma Mattina in Famiglia, in onda su Rai Uno, ha voluto rivolgere ai convenuti una domanda forte e provocatoria sui temi della genitorialità e i diritti dei genitori, tema conclusivo odierno: “Ma dove sono le pari opportunità in caso di separazione? La donna ha i figli, la casa e il mantenimento, l’uomo e il padre resta escluso”.

La risposta, dal conduttore Roberto D’Antonio, è stata affidata all’intervento dell’avvocato Bernardini de Pace: “L’uomo è la vittima dell’ex moglie, non del sistema – ha dichiarato l’avvocato Annamaria Bernardini de Pace – e il bambino troppo spesso diventa l’oggetto per ferire il coniuge e questo non deve accadere. La genitorialità non è nella divisione a metà di un figlio: il vero genitore vive la cura e il mantenimento in solidarietà. Bisogna contribuire in base al reddito in maniera proporzionale, la teoria del 50, per affetto e contribuzione, continua a far litigare i genitori; gli oltre 20.000 casi in 25 anni di professione mi danno la possibilità di fare una statistica sull’atteggiamento delle coppie – prosegue la Bernardini de Pace - , oggi riusciamo a concludere il 90% delle separazioni con un accordo, sfuggendo a una causa si evitano traumi ai figli, avvalendoci così dell’opera di psicologi e mediatori. Perciò posso affermare che bisogna soprattutto informare. I bambini di oggi sono il nostro domani, se crescono nel disordine, si arriva alla bancarotta dei sentimenti. Credo che i genitori possano imparare molto dalle favole: Geppetto, per esempio, è stato un vero educatore, ha fatto di un burattino un uomo.”

Tra i contenuti forti del Convegno anche quello dell’ Onorevole Giuseppe Palumbo, presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, che ha sottolineato: “Negli ultimi 35 anni la società ha visto il mutamento dell’assetto familiare, che da patriarcale diventa prevalentemente monoparentale, ossia ci si restringe intorno al nucleo diretto familiare: padre, madre e figli. Sul problema dell’assistenza dello Stato alla famiglia – ha proseguito l’onorevole Palumbo - la legge sui congedi parentali, ossia i permessi lavorativi per le madri e i padri, spesso non viene applicata. Ma non è solo una questione politica, perché i fondi per gli asili nido ad esempio vengono concessi dal Governo alle Regioni ma non sempre vengo impegnati nei capitoli previsti, comunque occorre recuperare quel senso di responsabilità educativa e formativa proprio del ruolo genitoriale. Per questo motivo elogio l’iniziativa dei Forum della Famiglia, che hanno permesso ai futuri genitori di acquisire maggiore consapevolezza sui loro diritti e doveri”.

Le conclusione dei Forum della Famiglia, affidate all’avvocato Immacolata Troianiello, coordinatrice degli incontri dell’OFI sono state più che positive: “I contenuti dei forum sono stati consideranti interessanti anche per coloro che non sono addetti ai lavori, quindi abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Auspichiamo che la figura dell’avvocato sia anche di consulente per indirizzare la coppia, affrontando le scelte migliori nel momento del matrimonio e non solo come risolutore di problematiche che possono derivare da esso”

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©