Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli: "H.M.O. in difesa del patrimonio storico e artistico"


Napoli: 'H.M.O. in difesa del patrimonio storico e artistico'
25/03/2011, 15:03

Napoli," i militanti dell'associazione H.M.O. , in sit-in dinanzi la sede napoletana del Ministero dei Beni Culturali, hanno protestato contro lo stato in cui versa il patrimonio architettonico, culturale ed artistico nazionale e in modo particolare di Napoli e della sua provincia. La protesta, culminata con l'affissione di due striscioni , chiede l'immediato intervento del governo per evitare non solo i crolli strutturali dei monumenti italiani, ma anche la loro svendita ai privati o il loro depotenziamento che offuscano la storia di un popolo e la sua identità.

Il 17 marzo a Portici lungo la famosa via delle Calabrie, conosciuta anche come il Miglio d'oro è crollata una delle più importanti ville settecentesche - afferma il portavoce dell'associazione- il crollo di villa della Baronessa è soltanto il preludio di ciò che accadrà se gli organi preposti all'intervento non agiranno al più presto dato che lungo il miglio d'oro ci sono innumerevoli ville risalenti al regno delle Due Sicilie che versano in uno stato di totale abbandono.

Il problema dei "crolli" non ha colpito soltanto la città di Portici, ma anche il più importante complesso archeologico italiano, gli scavi di Pompei . Dopo il crollo della "domus dei gladiatori” definito dal ministro" un episodio isolato" c'è stato un secondo crollo all’interno della Casa del Moralista, adiacente alla casa dei gladiatori. Siamo a 7 crolli in un anno.

Lo stato pietoso in cui sono ridotti importanti monumenti non colpisce soltanto Portici, Pompei ma anche Napoli con il suo centro storico, dichiarato patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO e altrettanti monumenti nazionali che rischiano il crollo o il depotenziamento come il Monumento alla Vittoria di Bolzano.Chiediamo quindi l'intervento diretto del ministro e l'invio di fondi per la riqualificazione delle nostre bellezze storiche. ". Così un comunicato a cura di HMO.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©