Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Il Re chè completò l'Unità d'Italia

Napoli, i monarchici chiedono la traslazione di Vittorio Emanuele III al Pantheon


Napoli, i monarchici chiedono la traslazione di Vittorio Emanuele III al Pantheon
29/12/2011, 11:12

"Commemorato l'anniversario del richiamo a Dio in esilio di Vittorio Emanuele III, primo Principe di Napoli e terzo Re d'Italia. L' Associazione Internazionale Regina Elena ha reso omaggio a Re Vittorio Emanuele III, nel 64^ anniversario dalla morte.

A Napoli, una S. Messa di suffragio è stata presieduta nella Reale e Pontificia Basilica di S. Francesco da Paola dal Rettore, Padre Damiano La Rosa, ieri alle ore 18.

L'11 novembre 1869 nasceva a Napoli il Principe di Napoli, futuro Vittorio Emanuele III, Re d'Italia per 46 anni, dal 29 luglio 1900 al 9 maggio 1946. Dopo il 25 luglio 1943, leale allo Statuto, nominò un nuovo Capo del Governo. Dopo l'armistizio si trasferì con il Governo a Brindisi, unica terra italiana libera da tedeschi e da alleati, dando continuità allo Stato. Il 9 maggio 1946, a Villa Maria Pia a Napoli, abdicò in favore del Principe Ereditario Umberto, scelse il titolo di Conte di Pollenzo e, alla partenza per un esilio volontario, indirizzò una lettera al Presidente del Consiglio, donando la sua inestimabile collezione di monete al popolo italiano.Da Napoli parti il 9 maggio 1946 con la Regina Elena, per Alessandia d'Egitto, dove morirà il 28 dicembre 1947. E' sepolto provvisoriamente nella Cattedrale di S. Caterina dove oggi una delegazione dell'Associazione Internazionale Regina Elena ha deposto un omaggio floreale.

Troppi italiani non ricordano che Vittorio Emanuele III è stato il Capo di Stato che ha completato l'Unità della nostra Patria, durante la prima guerra mondiale visse costantemente al fronte, soldato tra i soldati. Al termine del conflitto rinunciò alla somme di 1.000 000 di lire della lista civile per facilitare la ripresa dell'economia, inoltre donò quasi tutti i beni immobiliari della Corona allo Stato

Oggi, a 64 anni dalla morte, chiediamo la sepoltura a Roma del Re Soldato, nel Pantheon, Tempio destinato dalla storia ai Reali d'Italia.". Così Il Delegato Cav. Armenio Rodolfo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©