Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'accusa è lo scambio "voti contro favori" con la camorra

Napoli: il Pm chiede il rinvio a giudizio per Cosentino


Napoli: il Pm chiede il rinvio a giudizio per Cosentino
24/12/2010, 11:12

NAPOLI - E' stata formalizzata dalla Procura di Napoli la richiesta di rinvio a giudizio per l'ex sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino, in merito all'indagine per cui è stato già chiesto l'arresto, con un mandato di custodia cautelare bloccato dalla Camera dei Deputati. La decisione era nell'aria, dopo che all'inizio di dicembre gli era stato notificato il decreto di fine delle indagini e dopo che i 20 giorni previsti dalla legge erano passati senza che la difesa di Cosentino - formata dagli avvocati Stefano Montone e Agostino De Caro - prendesse iniziative di alcun tipo. Ora bisognerà vedere se il giudice accoglierà la richiesta della Procura e, in questo caso, se la difesa sceglierà di procedere con rito abbreviato (cioè solo sulla base degli atti ottenuti durante l'indagine, con la possibilità, in caso di condanna, di avere uno sconto di un terzo della pena) o con il processo ordinario.
Le accuse che sono rivolte all'ex sottosegretario riguardano un suo presunto coinvolgimento con famiglie camorristiche legate ai Casalesi, per uno scambio "voti contro favori". E in questo caso i "favori", sempre secondo i Pm, sarebbero stati appalti milionari nell'ambito della raccolta dei rifiuti in Campania.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©